Polemica sui migranti, M5S e Lega contro nuovi Cie

Dopo le tensioni nel centro di accoglienza di Cona, monta la polemica politica sui Cie. M5S e Lega puntano il dito contro nuove strutture e chiedono a gran voce l’espulsione degli irregolari. Contestando il piano del governo che prevede piccoli centri d’espulsione in ogni regione. Tuona Beppe Grillo dal suo blog: “Minniti e i Cie un fallimento annunciato”. -Intanto oggi a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni incontra la Commissione di studio sul fenomeno della radicalizzazione e dell’estremismo jihadista. Alle 11 conferenza stampa con il ministro dell’Interno Marco Minniti e il coordinatore della Commissione Lorenzo Vidino.

Intanto anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi non è convinto della ‘grande retata’ sui clandestini. “L’idea di una ‘retata generale’ non mi convince perché secondo la legge Bossi-Fini dovremmo espellere tutti gli irregolari, cioe’ centinaia di migliaia di persone, questa e’ una cosa impossibile”, ha sottolineato il presidente della Regione Toscana a Omnibus su La7. “Ci sono 435 mila immigrati irregolari in Italia, piu’ altre decine di migliaia, e li facciamo passare dai Cie, che sono strutture di sicurezza amministrativa, e che hanno 720 posti in tutta Italia? Inoltre – ha aggiunto – trovo gravissimo far trovare nella stessa situazione una badante a cui è scaduto il permesso di soggiorno o un padre di famiglia che ha perso temporaneamente il lavoro o non raggiunge il reddito previsto dalla norme, e chi commette reati”. “In questa forma non sarebbero Cie, percio’ andrebbero ripensati e chiamati in altro modo”, ha proseguito Rossi commentando la proposta del governo di istituire un centro di espulsione per regione con 100 migranti ciascuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com