Borsa. Milano la migliore in Europa. Spread a 365 punti base

La Borsa di Milano si conferma, a metà seduta, la migliore tra i listini europei, sulla scia del comparto bancario. Il Ftse Mib sale dell’1,71% e il Ftse All Share dell’1,59% mentre i rialzi delle altre Borse europee si mantengono attorno al mezzo punto percentuale: Francoforte sale dello 0,65%, Parigi dello 0,50% e Londra dello 0,22%. Corrono a Piazza Affari i bancari, su cui Goldman Sachs ha alzato i target price e con lo spread Btp-Bund che, dopo essere sceso sotto i 350 punti base, staziona ora a 365 punti: Unicredit, che oggi apre il cantiere sul nuovo board, balza del 5,39%, Intesa Sanpaolo avanza del 4,26%, la Bpm del 4,09% e il Banco popolare del 3,17%. Molto bene l’Enel (+3,53%) e Prysmian (+3,69%) in scia ai risultati e alle previsioni positive della concorrente Nexans. Riprende la corsa di Unipol (+9,71%), Fonsai (+11,21%), Premafin (+8,22%) e Milano Assicurazioni (+2,96%) dopo lo stop di ieri in attesa del cda di domani della compagnia bolognese sull’aumento di capitale. Si muovono in controtendenza Salvatore Ferragamo (-1,97%), Diasorin (-1,38%) e Luxottica (-1,18%)

Anche Fonsai e Unipol tornano in Borsa.  La compagnia dei Ligresti avanza del 6,17% a 1,13 euro mentre il gruppo bolognese balza dell’8,99% a 0,30 euro, tra scambi già molto intensi, pari rispettivamente al 2% e allo 0,8% del capitale. Ben acquistate anche Premafin (+4,98) mentre, come spesso accaduto nelle ultime sedute, resta un passo indietro Milano Assicurazioni (+2,96%).

Grecia: Efsf contribuirà a ridurre il debito greco – Il fondo di salvataggio europeo Efsf  “probabilmente giocherà un ruolo significativo” nella riduzione della esposizione debitoria che la Grecia sta negoziando con i creditori. Lo ha detto a Londra l’amministratore delegato dell’Efsf Christophe Frankel. La Bce avrebbe acconsentito a cedere all’Efsf i titoli greci in suo possesso in cambio di bond emessi dal fondo: rinunciando a parte dei profitti su questi titoli comprati a Lo spread Btp-Bund è stabile in area 360 punti (363,8) con il rendimento del decennale italiano al 5,62%. Il differenziale tra i Bonos spagnoli e il Bund è a 325 punti, mentre quello tra la carta francese e tedesca a a sconto, il contributo dell’Eurotower sarebbe pari a circa 11 miliardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com