Pensioni, si riparla di uscita anticipata: le proposte in campo

Il governo è pronto ad affrontare il tema delle pensioni e della flessibilità in uscita. Le discussioni però sono slittate alla prossima Legge di Stabilità non per mancanza di volontà ma per l’impatto dei costi sui conti pubblici, ha spiegato ieri il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini alla web tv della Cisl.

Per Nennicini è una battaglia complicata, perché servono circa 5-7 mld l’anno per diversi anni, da qui la necessità di inevitabili “penalizzazioni” per chi decide di ritirarsi prima dal mercato del lavoro. Qualunque intervento prevede delle penalizzazioni, ha detto il sottosegretario, spiegando che chi vorrà ritirarsi anticipatamente dal lavoro necessariamente dovrà prendere un assegno ridotto. Questo per evitare problemi di cassa che impongono all’Italia di presentarsi davanti l’Ue dicendo che sono previste delle penalizzazioni.

Tra le opzioni sulla flessibilità in uscita dal lavoro c’è quella presentata dal presidente dell’Inps Tito Boeri, che prevede un’uscita anticipata dal lavoro a partire da 63 anni e 7 mesi, 20 anni di contributi e un importo minimo maturato di 1.500 euro, con una penalizzazione di circa il 10-11 per cento dell’assegno mensile.

C’è poi la proposta avanzata in Parlamento dal presidente della commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano e dal sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta che consentirebbe si lasciare il mercato del lavoro con 35 anni di contributi e una penalità del 2% per ogni anno di anticipo. Lasciando il lavoro a 62 anni si avrebbe una penalizzazione dell’8%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com