Pensioni. Berlusconi e Bossi trovano l’accordo. Ora serve il sì dell’Ue

L’accordo tra Silvio Berlusconi e Umberto Bossi è stato trovato. Il leader della Lega nord mantiene il punto sulle pensioni di anzianità ma da un sostanziale via libera libera all’innalzamento graduale dell’età pensionabile a 67 anni. I due alleati avrebbero trovato la quadra sull’equiparare l’età pensionabile delle donne del settore privato a quelle

del settore pubblico. La lettera di 15 pagine che il presidente del Consiglio ha inviato ai suoi colleghi europei in vista dell’incontro di oggi contiene, oltre al pacchetto pensioni, tutti i provvedimenti adottati dal governo con le manovre finanziarie fatte fin qui per far fronte all’obiettivo della riduzione del debito. L’esecutivo annuncia, per il futuro, il varo di grandi opere, un piano articolato di liberalizzazioni e di lotta all’evasione fiscale oltre che una nuova riforma delle pensioni in ottemperanza alle indicazioni europee. Se Bossi ha dato un sostanziale via libera alla lettera d’intenti il futuro del premier è appeso al giudizio dei paesi dell’Eurogruppo. L’Ue avrebbe preferito che Berlusconi giungesse all’appuntamento di oggi con provvedimenti già approvati dal Consiglio dei ministri e non con una dichiarazione d’intenti.

Silvio Berlusconi, al termine del lungo vertice con la Lega Nord, non ha nascosto una certa soddisfazione per l’accordo raggiunto sul capitolo pensioni che da giorni tiene il Governo con il fiato sospeso, vista l’opposizione di Umberto Bossi a modificare il sistema previdenziale. Il premier è ottimista: ritiene che questa intesa allontani lo spettro della crisi di governo e che Bruxelles darà via libera alla sua lettera. Ma la realtà dice anche che se “la buona volontà” dell’Italia sarà bocciata dall’Ue il futuro politico di Silvio Berlusconi è più che segnato. A quel punto non ci sarebbe altra strada che ricorrere alle urne e questa sarebbe una mossa non tanto sgradita al Cav.

 

 

 

 

Circa Piera Toppi

Riprova

Tetto prezzo gas, no della Germania

Nonostante le aperture delle scorse settimane, la Germania continua a mettersi di traverso sul tetto …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com