Pd verso direzione

A poche ore dalla direzione, mentre proseguono i contatti tra i ‘big’ del partito e le riunioni di corrente, la conta sembra l’ipotesi più probabile.  Per i ‘non renziani’ il punto irrinunciabile è un voto di fiducia al reggente Maurizio Martina: su questo sono pronti a contarsi. L’ala dura della minoranza vorrebbe un documento che confermi la fiducia al reggente fino al congresso, ipotesi a cui i renziani sono contrari perché ormai puntano all’elezione di un nuovo segretario in assemblea. Su questo si continua a trattare.

‘Chiederemo il voto su un documento che affermi il No a Salvini e No a Di Maio. Voteremo sicuramente tutti anche la fiducia a Maurizio Martina fino all’assemblea’, che dovrà essere convocata per decidere se eleggere un segretario o indire il congresso. È la linea affermata da fonti renziane qualificate, a ridosso della direzione. Se si andrà alla conta sul documento che dice no alle ipotesi di governo con M5S o Lega, i renziani sono convinti di avere già i numeri: 120 membri della direzione a favore, contro 80. Secondo fonti ‘governiste’, invece, il fronte che sostiene Martina avrebbe 96 voti contro i 112 dei renziani: al netto delle assenze, sostengono, i numeri sarebbero sul filo e perciò una parte della minoranza contesta il voto dei venti membri della segreteria renziana, perché in grado di condizionare il risultato.

‘Non credo ci sia questo punto all’odg, Martina non è in discussione, gode della fiducia di tutto il partito’, sottolinea anche Lorenzo Guerini, coordinatore della segreteria nazionale del Pd, risponde a chi, a Radio Radicale, gli domanda se ci sarà oggi in direzione un voto pro o contro il segretario reggente Maurizio Martina.

‘Andrò certo. Ma credo che le distanze non siano così incolmabili. Nessuno mette in discussione il lavoro e il ruolo di Martina. Pochissimi per fortuna vogliono il sostegno del Pd a un Governo Di Maio. Difficile sostenere che Renzi non abbia diritto a dire la sua. Sdrammatizzare’,  è  l’invito del ministro Carlo Calenda che ha risposto su twitter ad un suo follower che gli chiedeva una sua presenza in direzione per proteggere il partito dalla distruzione.

 I numeri in direzione si sono completamente riequilibrati e non sono più così schiaccianti a favore di Renzi, nonostante 40 tra i componenti, inclusi i Millennials, siano stati nominati direttamente dall’ex segretario. Anche alla luce di questi numeri, l’intenzione è dunque andare fino in fondo sul ruolo di Martina: se ci fosse una spaccatura nel Pd sul ruolo del reggente in un momento cruciale della legislatura, la responsabilità,  notano da Area Dem,  sarebbe di Matteo Renzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com