PAT – Fondo capitale di rischio delle imprese cooperative: al via nuovo bando

Via libera dalla Giunta provinciale, su proposta dell’assessore all’Urbanistica, ambiente e cooperazione, all’attivazione di un nuovo bando per accedere al Fondo partecipativo per la promozione del capitale di rischio delle imprese cooperative. Il Fondo ha come finalità quella di accompagnare finanziariamente i progetti di investimento delle imprese cooperative trentine. Con la delibera di oggi l’Ente gestore del Fondo (Promocoop spa) viene autorizzato ad attivare un nuovo bando, dell’importo complessivo di euro 9.314.500,12, a fronte della disponibilità di una dotazione pubblica di euro 4.564.105,06, comprensiva di rientri della quota provinciale di partecipazioni arrivate a scadenza in ragione della natura rotativa del Fondo stesso, di avanzi sul precedente bando, di dividendi su partecipazioni già in essere, a cui si aggiunge inoltre un nuovo impegno sul bilancio provinciale di euro 1.500.000,00.

Il fondo partecipativo interviene nella capitalizzazione di imprese cooperative, al fine di sostenere specifici progetti di sviluppo o consolidamento, a fronte di una situazione economico finanziaria del soggetto proponente di sostanziale equilibrio; le condizioni economico finanziarie ed il rispetto del progetto sono monitorate periodicamente dall’ente gestore.

Per ogni intervento deve essere assicurata la partecipazione di capitale privato in misura almeno pari al 51%; la quota di partecipazione riferita alla dotazione pubblica, a carico

dell’amministrazione provinciale, non può pertanto essere superiore a quella privata e deve essere remunerata nella logica dell’investitore privato.

Il nuovo bando prevede innanzitutto una riserva di euro 1.014.500,12 a favore delle società cooperative composte da giovani, cioè per le società, escluse le cooperative sociali, aventi almeno il 30 per cento sia dei soci che degli amministratori di età non superiore a 35 anni alla data di presentazione della domanda di ammissione al fondo partecipativo.

Relativamente all’importo residuo di euro 8.300.000,00 il nuovo bando dovrà prevedere la seguente ripartizione:

euro 4.048.780,49 per il settore consumo; euro 1.686.991,87 per il settore produzione lavoro e servizi, euro 1.349.593,49 per il settore sociale; euro 1.214.634,15 per le cooperative del settore agricolo.

La Giunta provinciale ha ritenuto inoltrre opportuno fissare per questo bando il limite finanziario ad intervento in euro 400.000,00 per le cooperative sociali, e in euro 1.000.000,00 per le cooperative di consumo, le cooperative di produzione lavoro e servizi e le cooperative agricole.

Circa Redazione

Riprova

Aziende e territori, l’alleanza necessaria

Lo standard Family Audit è uno strumento di management e di gestione delle risorse umane …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com