Passione di Michele Cannaò

Prosegue il tour artistico di “Passione”, personale di Michele Cannaò a cura di Giuseppe Morgana legata al tema della via crucis quale cifra della condizione umana, condannata a portare il peso delle proprie scelte di fronte a un destino invariabilmente minaccioso. La prossima sede ospitante sarà quella del Palazzo Duchi di S. Stefano di Taormina, sede della Fondazione Mazzullo, che inaugurerà “Passione” domenica 19 aprile prossimo, alla presenza dell’artista e del poeta Guido Oldani, l’influsso artistico del quale si è rivelato fondamentale nello sviluppo del tema legato alla Passione e al percorso di sofferenza che porta al Calvario;  il vernissage proseguirà con un excursus sulle opere, guidati dalla scrittrice Angela Manganaro, e con la presentazione di  “Realismo Terminale”, movimento artistico-poetico creato da Oldani al quale Cannaò aderisce prontamente con “Requiem per una radice”. Il Realismo Terminale,  illustrato nella sua pubblicazione omonima pubblicata da Mursia nel 2010, esprime una visione del mondo invasa dalle cose materiali che assediano la realtà fino ad annullare l’uomo; dalla predominanza dell’oggetto sul soggetto nasce quindi un nuovo modo di interpretare e raffigurare il mondo. La personale, organizzata dall’Associazione culturale Siddharte con la collaborazione della Fondazione Mazzullo e l’Associazione “Arte & cultura a Taormina” e il patrocinio della città di Taormina e della Regione Sicilia – Assessorato ai Beni Culturali e all’Identità siciliana, sarà visitabile fino al 17 maggio 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com