‘Parole e Ombre’ alla Tevere Art Gallery di Roma

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, il seguente articolo di Loredana Margheriti:

 

La serata-evento del progetto “Parole e Ombre”si è tenuta il 23 novembre ed è stata un successo: più di duecento persone si sono affollate alla TAG, Tevere Art Gallery, di Roma per vedere i performer di Barbara Lalle esibirsi in azioni ispirate alle opere esposte e offrire il loro gesto artistico sulle proiezioni video di Nicola Pavone e sui distici sincretici di Thelema.

Già dalle 19 il pubblico ha iniziato ad affluire per assistere a questo progetto di “cultura integrata” ideato dallo scrittore Arturo Belluardo e dal critico Roberto Cavallini: i due intellettuali hanno voluto attingere alla comunità meticcia di artisti che anima la galleria di Luciano Corvaglia e Stefania Saponaro sulle rive del Tevere. Un luogo affascinante e unico, un gioiello prezioso esploso alla Magliana dietro la chiesetta romanica di Santa Passera, che apre le sue porte periodicamente a fotografi affermati ed esordienti, a pittori e scultori. In quest’alveo si è collocata “Parole e Ombre”, un’iniziativa di “arte partecipata” basata sullo scambio emozionale tra linguaggi diversi: dalla scrittura alla fotografia, dalla poesia alla pittura, dal collage al gesto performativo, dalle immagini video alle improvvisazioni musicaliAbbiamo iniziato quest’estate” ci racconta Arturo Belluardo “chiedendo a ventidue scrittori di regalarci una loro opera e hanno aderito con entusiasmo: Paolo “the genius” Restuccia, il regista de “Il ruggito del coniglio”, i poeti Nino De Vita e Mariagiorgia Ulbar, l’enfant prodige Rocco Civitarese, il raffinato Fabrizio Patriarca, solo per citarne alcuni.”

“Le opere sono state affidate agli artisti della TAG, principalmente fotografi” continua Roberto Cavallini “scelti tra quelli con maggior gusto narrativo, che fossero capaci di estrarre il simbolico dai racconti proposti Dai primi di ottobre i racconti e le fotografie sono stati pubblicati sulla rivista online SuccedeOggi, diretta da Nicola Fano e la proposta continuerà fino alla fine dell’anno. In un passaparola sui social, “Parole e Ombre” ha conosciuto un seguito sempre crescente di interesse, con migliaia di visualizzazioni per ogni racconto e con l’imprimatur finale del prestigioso “Premio Calvino”, i cui curatori si sono dichiarati affascinati dall’iniziativaA questo punto però” riprende Arturo Belluardo “volevamo un’azione di forte impatto che desse un valore ulteriormente partecipativo al nostro progetto, volevamo che a linguaggio si aggiungesse linguaggio, in una successione emozionale asintotica, tendente all’infinito. E per far questo ci siamo rivolti a Barbara Lalle, una delle più intriganti performing artist della scena romana. Barbara mette in gioco continuamente il suo sé e il suo corpo e ha la rara capacità di saper coinvolgere le persone, spingendole a sfiorare l’inconscio e a tradurlo in gesti”.

“Ho chiesto a ventiquattro performer di elaborare una sequenza di un minuto che racchiudesse quello che per loro era il nucleo centrale del racconto, il vortice in cui li trascinava la foto” interviene Barbara Lalle “e ho chiesto a Nicola Pavone di accompagnare le performance con le sue mappe virtuali, mentre Thelema al piano e con i droni elettronici creava il tappeto sonoro della serata”.

Alla fine, i tre curatori hanno coinvolto una settantina di persone in un evento culturale pieno di entusiasmo che ha dato vita ai racconti struggenti di Flavia Ganzenua e di Vins Gallico, alle immagini drammatiche della “Mastectomia” di Valeria Gradizzi e all’angelo predatore di Lara Garofalo, ai delicati equilibri degli strappi di memoria di Re Barbus e all’armadio dei giocattoli di Marco Marassi, alle urla strazianti di Susanna Marilungo, alla commovente esibizione di padre e figlio, Massimo e Lorenzo Marseglia di otto anni, alla drammaticità di Alla Krasovitzkaya e ai gesti fluttuanti di Francesca Margognoni, che hanno gonfiato di vento e ali i versi di Mariagiorgia Ulbar e i segni di Alessandro Arrigo.

Una serata che sembrava non finire mai, la cui energia continuerà a trasmettersi fino a fine anno sulle pagine di www.succedeoggi.it dove continueranno a essere pubblicati racconti e immagini due volte a settimana.

i performer: Barbara Lalle, Francesca Alesse, Arturo Belluardo, Gianni Fantoni, Maria Teresa Filetici, Carmine Frigioni, Roberto Cavallini, Alla Krasovitzkaya, Angela Mancini, Francesca Margognoni, Susanna Marilungo,  Eugenio Marini, Lorenzo e Massimo Marseglia, Flavio Massimi, Raffaella Murgo, Gea Ottaviani, Elisabetta Rampazzo, Stefano Restivo, Priscilla Solis, Teresa Vanessa Topazio, Carmen Verde,Valeria Vivarelli, Francesco Zinno

gli scrittori: Luigi Annibaldi, Simona Baldelli, Arturo Belluardo, Michele Caccamo, Rocco Civitarese, Claudia Colaneri, Nino De Vita, Manuela D’Aguanno, Sandro Dieli, Lorena Fiorelli, Piero Fittipaldi, Vins Gallico, Flavia Ganzenua, Fabrizio Patriarca, Alessandra Pizzullo, Paolo Restuccia, Mara Ribera, Marco Rinaldi, Roberto Todisco, Mariagiorgia Ulbar, Paolo Vanacore, Carmen Verde

gli artisti: Alessandro Arrigo, Alessandro Bortolozzo, Vera Castellucci, Roberto Cavallini, Giovanna Chessa, Emanuele Dini, Ernesto Fiorentino, Carmine Frigioni, Serena Galluzzi, Lara Garofalo, Sabrina Genovesi, Valeria Gradizzi, Enrico Graziani, Marco Marassi, Romina Mosticone, Sandra Paul, Nicola Pavone, Maurizio Perissinotto, Martino Pirella, Marco Pasqua, Re Barbus, Stefano Restivo, Alessandro Romagnoli, Zhanna Stankovych, Thelema.

Foto di Arnaldo Albertoni, Vera Castellucci e Sabrina Genovesi

Video di Antonio Totaro

https://www.youtube.com/watch?v=clDK_vYCc0g&feature=youtu.be&fbclid=IwAR3oiyMfSW0PVPj7ccPNgrNucWVKpxoHIwRJCtbz14OmbIdCBVt2NDVg1pY

Loredana Margheriti

 

Circa Redazione

Riprova

Tartaglia Arte: troppe informazioni, il malessere che colpisce il mondo dell’arte

Nel film Nirvana (1997) di Gabriele Salvatores, Paolo Rossi nei panni di Joker elencava sostanze stupefacenti per ogni …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com