Papa Francesco incontra la stampa 3D

CITTA’ DEL VATICANO. Sarà presentato, oggi, il progetto degli studenti del Massimo dei Padri gesuiti a Papa Francesco. Il progetto‚ ‘Crowd4Africa’ che trasforma tappi di bottiglia in protesi per bambini amputati ed altri utili sussidi medico chirurgici grazie alle stampanti 3D. Il progetto è stato interamente ideato e realizzato da ragazzi dai 7 ai 19 anni dei corsi gratuiti: ‘For 3D world’ e ‚Making 3D Printers’, supportati da 20 genitori volontari provenienti dal mondo dell’industria, dell’università, della scuola e delle istituzioni pubbliche. Durante il corso i ragazzi, aiutati dai genitori, hanno costruito  60 stampanti 3D Open Source. L’obbiettivo finale è quello di mettere a disposizione dei medici che operano in Africa una ‘mini fabbrica’,  ed i relativi modelli 3D, in modo che possano produrre in loco le protesi. I primi due ospedali a cui andranno le ‘mini fabbriche’ saranno il Lacor St. Mary Hospital in Uganda gestito dalla Fondazione Corti ed il Centro Sanitario di Kenge in Congo, nel quale opera Chiara Castellani, uno dei pochi medici in un territorio di 5 mila chilometri quadrati. Secondo uno studio Onu dell’Agosto 2015, crescono annualmente le difficoltà nell’invio degli aiuti umanitari in Africa; in particolare, il costo di trasporto dei materiali assorbe il 60% – 80% del budget complessivo. L’Onu raccomanda quindi di sperimentare la produzione diretta dove serve degli oggetti di prima necessità abbattendo così costi, rischi e tempi di approvvigionamento. Inoltre, 20 milioni di disabili nel mondo hanno difficoltà ad avere una protesi a causa degli elevati costi (pari anche a 10 anni di risparmi nelle aree disagiate). Con le stampanti 3D, i costi vengono abbattuti fino a 100 volte.

Circa Cocis

Riprova

Covid, Gimbe: “-3,7 per cento nuovi casi, -1,4 per cento terapie intensive”

Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe ha rilevato nella settimana 19-25 gennaio 2022, rispetto alla …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com