Padova: nigeriani licenziati, protestano: “E’ razzismo”

Quattro netturbini  dipendenti della cooperativa La Casona, si sono accampati di fronte al Comune di Padova, per protestare contro il licenziamento, messo in atto dalla cooperativa la Casona per cui lavoravano.
Come riporta ‘Il Gazzettino’, i quattro lavoratori denunciano una discriminazione razziale per cui presenteranno un esposto in Procura, anche se alla base sta la preoccupazione dei quattro che d’ora in poi non potranno mantenere moglie e figli. Di sicuro non hanno intenzione di lasciare il loro presidio davanti al municipio di Padova fino a che non riceveranno una risposta.

A parlare per tutti è un 39enne nigeriano da 23 anni in Italia e da oltre 10 al lavoro presso La Casona che subappaltava i netturbini ad Acegas Aps che, però, ha deciso di non rinnovare il contratto. Il lavoratore nigeriano chiama in causa Acegas sottolineando che gli ordini venivano presi direttamente dalla multiutility, fatto dimostrabile dai tabulati telefonici e che la ragione del licenziamento è solo ed esclusivamente la discriminazione razziale.

La decisione di Acegas Aps è di svolgere in proprio la pulizia del centro storico, prima affidata alla cooperativa, potendo così risparmiare 120 mila euro all’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com