Orrore a Roma, diciottenne impiccata con le mani legate in un’area giochi

Orrore a Roma, diciottenne impiccata con le mani legate in un’area giochi.

 Giallo a Roma, dove una ragazza di diciotto anni è stata trovata impiccata e con le mani legate in un’area giochi del parco di via Galla Placidia, che si trova sulla via Tiburtina.

 L’allarme è scattato alle prime ore del 12 settembre, quando il custode ha ritrovato il corpo della giovane e ha allertato subito le forze dell’ordine, che al momento del loro arrivo lo hanno trovato visibilmente provato per la scena vista.

 La vittima è una ragazza romana di diciotto anni ma sull’identità non sono state fornite informazioni. La giovane era impiccata e con le mani legate con delle fascette. Le ipotesi degli inquirenti: la pista più accreditata è quella del suicidio.

 Stando a quanto appreso, la ragazza soffriva di depressione e avrebbe già tentato di togliersi la vita.

La famiglia della ragazza ne aveva denunciato la scomparsa la sera dell’11 settembre. Gli inquirenti proveranno a ricostruire gli ultimi spostamenti della giovane e si affideranno agli esami della scientifica per fare luce sulla dinamica della morte. L’analisi delle ferite e dei segni sui polsi aiuteranno a capire se la ragazza si sia legata,  e presumibilmente impiccata da sola,  oppure no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com