Opportunità lavorative per over 35, progetto ‘BEINTERN’

Venerdì 7 giugno, presso il Complesso San Michele, sede della Fondazione Carisal in Via Bastioni, 14/16 Salerno, alle ore 10:00, si è tenuta la conferenza di presentazione del progetto BEINTERN, un progetto selezionato dal Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa sociale e realizzato dal Consorzio Osservatorio dell’Appennino Meridionale in partnership con l’Università degli Studi di Salerno (UNISA) e la Fondazione Saccone. Partner sostenitori del progetto: Viralbeat S.r.l., Ninja Marketing Srl, Pagine Mediche S.R.L., Palazzo Innovazione S.R.L., Stratego Comunicazione S.R.L., Uniconsul e Virvelle Società Benefit.

La conferenza stampa si è aperta con i saluti istituzionali di Domenico Credendino, Presidente Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana.

A seguire interventi per presentare il progetto Mariagiovanna Riitano, Presidente del Consorzio Osservatorio Appennino Meridionale; Virgilio D’Antonio, Direttore del Dipartimento DISPC dell’UNISA; Mario Vitolo, Managing Director VIRVELLE; Giorgio Scala, Presidente Fondazione Saccone.

Il progetto BEINTERN nasce con l’obiettivo di abbattere le barriere digitali e generare nuove opportunità di lavoro per le fasce d’età più mature. Si rivolge a persone tra i 35 e i 50 anni, disoccupate e residenti in Campania, Molise e Basilicata. Attraverso un percorso formativo innovativo e gratuito, i partecipanti potranno acquisire le competenze digitali necessarie per affrontare le sfide del mercato del lavoro odierno e rimettersi in gioco con nuove opportunità professionali.

Il progetto, oltre a corsi di formazione, offre un supporto personalizzato a ciascun partecipante: career coaching per definire i propri obiettivi professionali, supporto psicologico per affrontare eventuali difficoltà, servizio di baby-sitting per conciliare formazione e vita privata, corsi di lingua italiana per colmare eventuali lacune linguistiche. Inoltre i partecipanti avranno accesso ad un hub di orientamento per ricevere informazioni sul mercato del lavoro digitale, ad una community digitale attiva per scambiare idee e fare rete, e un servizio di placement personalizzato per entrare in contatto con aziende del territorio.

Il progetto è stato selezionato dal Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa sociale. Il Fondo per la Repubblica Digitale è nato da una partnership tra pubblico e privato sociale (Governo e Associazione di Fondazioni e di Casse di risparmio – Acri) e, in via sperimentale per gli anni 2022-2026, stanzia un totale di circa 350 milioni di euro. È alimentato da versamenti effettuati dalle Fondazioni di origine bancaria. L’obiettivo è accrescere le competenze digitali e sviluppare la transizione digitale del Paese. Per attuare i programmi del Fondo – che si muove nell’ambito degli obiettivi di digitalizzazione previsti dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e dall’FNC (Fondo Nazionale Complementare) – a maggio 2022 è nato il Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa sociale, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata da Acri. Per maggiori informazioni www.fondorepubblicadigitale.it.

Circa Redazione

Riprova

Coesione, Matera (FdI): “Cipess libera 388 mln per la Campania come preannunciato”

“Come volevasi dimostrare, il Cipess in questi minuti ha deliberato lo sblocco di 388 milioni …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com