OPENING | 2 marzo 2021 | Il Boresta che non ti aspetti | a cura di Raffaele Gavarro

Lo spazio Micro Arti Visive di Roma è orgogliosa di annunciare l’imminente inizio dell’ambizioso progetto espositivo IL BORESTA CHE NON TI ASPETTI.
Sei episodi che ripercorreranno nell’arco di sei mesi (dal 2 marzo 2021) la vicenda artistica “dell’outsider tra gli outsider”, come lo stesso Pino Boresta ironicamente si autodefinisce. Sei mostre che daranno conto di un itinerario artistico perlomeno insolito e decisamente fuori dagli schemi del sistema dell’arte, attraverso mostre, incontri, sorprese e approfondimenti dedicati a quello che si può senz’altro definire come il precursore della Sticker Art, che da più di trent’anni ha invaso con le sue smorfie
i muri delle nostre città. Difficile confinare il lavoro di Boresta in un genere ben preciso, avendo spaziato senza soluzione di continuità e con feroce ironia dalla pittura alla fotografia, dall’arte pubblica alla performance. Spinto da un reale bisogno di contaminarsi con linguaggi differenti e spesso inconsueti, Boresta ha accumulato negli anni una quantità di opere e materiali a dir poco sorprendente.
S’inizia dai tovaglioli dipinti a Londra, “Fronte retro” del 1988, a seguire le azioni di contaminazione artistica dei “Residui corporei” del 1996, passando per i “Testamenti” del 2003, si ritorna poi a lavori più vecchi del 1995 i “R.A.U. Reperti Arteologici Urbani”, e quindi al suo più conosciuto lavoro di arte urbana, la Sticker
Art, che comincia nel 1994 con “C.U.S. – Cerca ed Usa La Smorfia”, nel quale la sua faccia-logo è appiccicata nei punti meno prevedibili delle vie delle città. Per concludere con “La collezione” le opere degli amici dell’artista.
Il ciclo di mostre Il Boresta che non ti aspetti è a cura del critico e curatore Raffaele Gavarro – anche questa un’accoppiata decisamente inattesa – e ripercorrerà con taglio antologico l’intero cammino dell’artista.
Il primo episodio, che aprirà il 2 marzo 2021, porta il titolo “Boresta a servizio”.
Alla fine degli anni Ottanta, Boresta viveva a Londra, lavorava in un ristorante e iniziava ad avvicinarsi da autodidatta alla pittura. Come supporto utilizzava dei tovaglioli che sottraeva ai ristoranti dove prestava servizio. I tovaglioli-quadri presero nel tempo il titolo di Fronte retro, in forza del fatto che quelle tele oggettuali erano dipinte su un lato, mentre sull’altro trattenevano tracce biologiche di vario tipo dello stesso Boresta. Elementi organici che divennero poi materia esclusiva qualche anno dopo con la
realizzazione dei Residui Corporei.

Nell’ambito dell’episodio “Boresta a servizio” Pino Boresta darà vita ogni venerdì alle ore 12,30 ad una singolare performance nella quale in veste di cameriere, servirà il pranzo a quattro personaggi dell’arte e della cultura. Il pranzo preparato dalla chef Maura Pierangelini, sarà un viaggio sensoriale accompagnato dal sommelier Ettore Aimi e dai colori della floral designer Marilyn, un incontro al buio per gli ospiti che, su invito e previa conferma, scopriranno gli altri commensali solo quando si presenteranno al cospetto dell’artista. Il pubblico potrà assistere alla performance (seguendo tutte le norme del DPCM) alla fine della quale i tovaglioli diverranno a loro volta, opere d’arte. La prima performance del ciclo “Serve! Boresta” si terrà venerdì 5 marzo alle 12,30.

Ogni episodio vedrà affianco all’esposizione delle opere, la presenza di oggetti personali di Boresta: agende, fotografie, documenti e cimeli vari. In occasione del Boresta a servizio, sarà esposta anche la divisa da cameriere con la quale serviva ai tavoli dei ristoranti londinesi. Per ogni episodio sarà inoltre invitato ad esporre nell’ultima settimana un artista scelto da Boresta per affinità elettiva, stima, amicizia, condivisione della ricerca. I primi due artisti invitati saranno a marzo Flavio Favelli e a aprile Salvatore Falci. Un web site curato da Paola Valori arricchirà la mostra con video, interviste e talk in diretta, uno spazio virtuale complementare e strettamente connesso alla mostra.
La mostra sarà aperta al pubblico dal 2 marzo 2021 con ingresso libero dalle 15,30 ma contingentato, secondo le vigenti norme anti Covid.

Di seguito il calendario dei sei episodi:
● 2 marzo – 31 marzo 2021: Boresta a servizio
Artista invitato: dal 24 al 31 marzo Flavio Favelli
● 5 aprile – 30 aprile 2021: Il corpo di Boresta
Artista invitato: Salvatore Falci
● 5 maggio – 31 maggio 2021: Il testamento di Boresta
● 4 giugno – 30 giugno 2021: Rifiutindagine di Boresta
● 4 ottobre – 31 ottobre 2021: La strada di Boresta
● 4 novembre – 30 novembre 2021: Gli amici di Boresta

Tutte le attività pubbliche saranno svolte nel rispetto del divieto di assembramento di cui all’articolo 1, comma 8, primo periodo, del decreto-legge 16 maggio 2020, n°33, e alla distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, uso di mascherina obbligatorio, misurazione temperatura corporea e igienizzazione delle mani.

Il Boresta che non ti aspetti
A cura di Raffaele Gavarro
2 marzo – 30 novembre 2021
MICRO | Arti Visive
Roma Viale Mazzini 1
Contatti stampa:
Paola Valori +39 347 0900625
Orari dello spazio espositivo: da lunedì a venerdì dalle 15.30 alle 19.00.
Sabato e domenica chiuso

Circa Redazione

Riprova

L’auto funebre del principe Filippo sarà la Land Rover che ha aiutato a progettare

Il marito della regina d’Inghilterra, il principe Filippo, è deceduto venerdì scorso e il suo …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com