Opas di Intesa su Ubi, record di adesioni. Nasce settimo gruppo europeo: nel 2022 si punta a un utile di 5 miliardi

Le nozze tra Intesa Sanpaolo e Ubi Banca sono praticamente ufficiali, con la conclusione dell’opas nella serata di giovedì, la quale ha raccolto oltre il 90% di adesioni.

L’acquisizione di Ubi Banca da parte di Intesa porta alla nascita di un colosso nel panorama continentale: la nuova banca sarà il settimo gruppo bancario europeo per proventi operativi e il terzo per capitalizzazione dopo Bnp Paribas e Santander. Nel 2022 l’obbiettivo è di un utile non inferiore ai 5 miliardi di euro. I numeri Le nozze tra le due banche, secondo le previsioni, porteranno a numeri molto significativi. L’ammontare degli impieghi sarà di circa 460 miliardi di euro; il risparmio che gli italiani affideranno alla nuova banca supererà il valore di 1,1 trilioni di euro, i ricavi saranno pari a 21 miliardi di euro. Risultati che saranno ottenuti, secondo il progetto di Intesa Sanpaolo, facendo leva sul “resiliente modello di business incentrato su Wealth Management e Protection“.

Intesa Sanpaolo dovrà rispettare le condizioni poste dall’Antitrust che prevedono la cessione di 532 filiali a Bper, così come è stato già concordato nei mesi scorsi. Al termine dell’operazione le sinergie di costo sono previste derivare per circa 340 milioni dalle spese per il personale, a seguito di uscite esclusivamente volontarie di circa 5.000 persone – che includono le mille richieste di adesione all’accordo sindacale di Intesa Sanpaolo del 29 maggio 2019 e le 300 persone previste nell’accordo sindacale di Ubi Banca del 14 gennaio 2020. Prevista anche l’assunzione di 2.500 giovani, nel rapporto di un’assunzione ogni due uscite volontarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com