Onu, nel 2022 necessari aiuti record di 41 mld per 183 mln persone

L’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha), nella sua panoramica annuale delle esigenze future, prevede un aumento del 17% del numero di persone che avranno bisogno di assistenza urgente nel 2022 e si appella ai donatori affinché forniscano la cifra record di 41 miliardi di dollari per aiutare 183 milioni di persone più bisognose. “La crisi climatica sta colpendo per prime e in modo più grave le persone più vulnerabili del mondo. I conflitti che si protraggono continuano e l’instabilità è peggiorata in diverse parti del mondo, in particolare in Etiopia, Birmania e Afghanistan”, ha affermato Martin Griffiths, capo dell’Ocha. “La pandemia non è finita e i paesi poveri non hanno i vaccini”, ha aggiunto. Le Nazioni Unite prevedono che un record di 274 milioni di persone richiederanno aiuti umanitari di emergenza il prossimo anno in paesi come Afghanistan, Etiopia, Birmania, Siria e Yemen che devono affrontare una serie di difficoltà tra cui guerra, insicurezza, fame, cambiamento climatico e pandemia da coronavirus.

Quest’anno, ha detto Griffiths, “abbiamo raggiunto il 70% delle persone che volevamo. Siamo consapevoli che non raggiungeremo i 41 miliardi di dollari”. La panoramica presenta piani specifici per paese per 30 paesi, metà dei quali in Africa e la maggior parte del resto in Medio Oriente o in America Latina. Griffiths ha citato le stime dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura secondo cui 45 milioni di persone sono a rischio di carestia, in dozzine di paesi. “L’aiuto umanitario è importante”, ha detto Griffiths. “Siamo riusciti a fermare la carestia che colpisce mezzo milione di persone nel sud del Sudan. Abbiamo fornito assistenza sanitaria a 10 milioni di persone in Yemen. abbiamo aiutato a vaccinare milioni di persone in Birmania”, ha aggiunto. L’Ocha afferma che più di 24 milioni di persone necessitano di assistenza salvavita in Afghanistan, a causa di conflitti, disordini politici, coronavirus, shock economici e la peggiore siccità da più di una generazione. “`Non abbiamo mai lasciato l’Afghanistan. E ora siamo lì con un programma previsto per il 2022, tre volte più grande del programma per il 2021”. In merito alla situazione in Etiopia, dove il governo sta combattendo contro i combattenti della regione del Tigray, è la “più preoccupante” in termini di “bisogno urgente e immediato”. Griffiths si è detto “molto preoccupata” per un possibile assedio dei combattenti alla capitale Addis Abeba.

Circa redazione

Riprova

Tonga: serviranno settimane per ripristinare le comunicazioni

Ci vorranno settimane per ripristinare le comunicazioni fra l’arcipelago di Tonga e il resto del mondo a …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com