Omofobia, tra Davide Faraone e Francesca Pascale

Il capogruppo di Iv Davide Faraone e la capogruppo delle Autonomia Julia Unterberger hanno presentato un emendamento all’articolo 1 del Ddl Zan che prevede la sostituzione ovunque nel testo al riferimento “sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità” con la formula “su misoginia, abilismo, omofobia o transfobia”.

Un altro emendamento firmato da Faraone con il senatore di Iv Giuseppe Cucca prevede invece di inserire esplicitamente all’articolo 7 del provvedimento il “rispetto della piena autonomia scolastica”.

Da segnalare che Francesca Pascale, l’ex di Silvio Berlusconi, torna a far parlare con un annuncio: “Sono pronta a sbattezzarmi”, dichiara in un’intervista a Repubblica.

Interpellata sul ddl Zan, ha spiegato: “Per me può e deve essere approvato così com’è. Non capisco timori e argomenti utilizzati contro. Sono assurdi. Penso anzi che il ddl Zan andrebbe approvato all’unanimità, senza distinzioni di partito. Come si possono avere colori politici sui diritti umani? Mi dispiace vedere lo scontro tra i partiti su un tema come l’omofobia: lo trovo degradante per la politica. E mi auguro, soprattutto se c’è un rinvio della discussione a settembre, che il ddl Zan non diventi motivo di campagna elettorale sulla pelle delle persone e alle spalle della comunità Lgbt che aspetta una legge da decenni”.

In merito alla decisione di rinunciare al suo battesimo, “resto credente, ma una Chiesa che discrimina gli omosessuali e che fa ingerenza politica sul ddl Zan, mi ha deluso”. Poi ha aggiunto: “Berlusconi è arrabbiato con me per la posizione sul ddl Zan e perché vado ai Pride. Mi chiede: perché? Io gli rispondo: perché ci credo. Questa volta non sono d’accordo con lui e spero cambi idea”.

Sul dibattito interno al centrodestra in merito al disegno di legge contro le discriminazioni, Pascale ha affermato: “Almeno la metà dell’elettorato forzista la pensa come me, come Elio Vito, Stefania Prestigiacomo, Renata Polverini e gli altri che alla Camera hanno già votato a favore e come Barbara Masini che al Senato si appresta a farlo. Masini in aula ha fatto coming out. Però l’altra cosa che mi dispiace è che si pensi debbano votare pro ddl Zan gli interessati, gli omosessuali. Questa è una legge che devono votare tutte le persone perbene. Mi dà amarezza una politica che non si assume la responsabilità neppure davanti alle aggressioni verso gli omosessuali”.Diapositiva 9 di 10: Silvio Berlusconi, politico e imprenditore, è nato il 29 settembre 1936 a Milano. Ha basato il suo successo nel campo della comunicazione, contribuendo alla diffusione delle emittenti private in Italia, con Fininvest prima e l’impero Mediaset fondato nel 1993. Leader di Forza Italia, dalla sua discesa in campo nel 1994, è stato altre tre volte premier (2001-2005 e 2005-2006, 2008-2011) ed è stato eletto senatore per la prima volta nel 2013. Nello stesso anno il “Cavaliere” ha subito una condanna a quattro anni di carcere per frode fiscale e nel corso della sua attività politica è stato imputato in oltre 20 processi. Dal caso Noemi al caso Ruby, sono tanti gli scandali di natura sessuale che lo hanno visto coinvolto. Berlusconi è stato sposato due volte: dalla prima moglie Carla Elvira Lucia Dall’Oglio ha avuto i figli Marina e Pier Silvio; il secondo matrimonio è stato con l’attrice di teatro Veronica Lario, che dopo il divorzio ha avuto un assegno di mantenimento milionario. La coppia ha avuto tre figli: Barbara, Eleonora e Luigi. Poi è stata la volta della relazione con Francesca Pascale di 49 anni più piccola e dopo di lei si è accompagnato con Marta Fascina, classe ’90. Silvio Berlusconi è uno degli uomini più ricchi al mondo. Secondo la rivista Forbes, tre anni fa si trovava al 5° posto in Italia e al 190° nel mondo. Nel 2020 Berlusconi è guarito di Covid-19 e nel 2021 è stato ricoverato a Monaco per un problema cardiaco.

Circa Redazione

Riprova

Sicilia. Proroga Asu al 2022, Cisal: “Passo in avanti, ma adesso Regione faccia la sua parte”

“L’approvazione al Senato dell’emendamento al Dl Reclutamento che consente la proroga al 2022 dei contratti …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com