Omicidio suicidio a Palermo: il movente sarebbe la gelosia

Potrebbe esserci la gelosia e la fine del suo rapporto matrimoniale dietro il duplice omicidio-suicidio consumatosi ieri a Palermo, dove un romeno di 35 anni, Gabriel Dimitro, ha ucciso la moglie e la sua coinquilina e poi si è tolto la vita gettandosi sotto un treno in corsa. Gli investigatori hanno ascoltato per ore amici e vicini di casa per cercare di ricostruire una vicenda che sembra assumere i contorni dell’ennesimo femminicidio. Alla macabra scoperta nell’appartamento della centralissima via Vincenzo Di Marco gli agenti sono arrivati cercando di dare un nome al suicida che non aveva con sè documenti ma solo il cellulare. Una parente delle vittime, contattata telefonicamente, ha così indicato ai poliziotti la casa in cui viveva la moglie, una connazionale con una coinquilina polacca.

Quando gli investigatori sono entrati nell’abitazione, dopo che i vigili del fuoco hanno sfondato la porta, si sono trovati davanti una scena agghiacciante. La moglie dell’uomo era distesa sul letto massacrata a colpi d’ascia e sfigurata, il cadavere dell’altra donna era invece su una poltrona, sarebbe stata strangolata e soffocata con un sacchetto di plastica trovatole, ancora sul capo. Le due straniere lavoravano come colf e Dimitro si era trasferito a Palermo soltanto da qualche mese. Gli investigatori sembrano privilegiare la pista passionale, che potrebbe spiegare la furia con cui l’uomo si è accanito sulla moglie, ma le indagini proseguono a 360 gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com