Omicidio sudanese a Roma: fermato l’omicida nel suo ufficio

Era nel suo ufficio, all’Aquila, intento a svolgere il sui lavoro, tranquillo e impassibile, come se non avesse commesso nessun tipo di reato : il 42enne calabrese che ieri pomeriggio ha ucciso un sudanese 30enne nel parco degli Acquedotti a Roma. L’uomo è stato raggiunto da tre colpi d’arma da fuoco al torace. La pistola sequestrata è una calibro 6.35. Sembra che la causa dell’omicidio sia riconducibile ad una controversia professionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com