Omicidio Kercher :non ci sarà una nuova perizia


 

La Corte D’assise di Perugia, ha bocciato la proposta  avanzata dai pm, di una nuova perizia inerente l’analisi di tracce del  Dna. L’istanza è stata dunque respinta dalla Corte,che ha così chiuso il dibattimento.

 

La decisione è stata prese nel corso del processo d’appello per la morte di Meredith Kercher, che è stato ripreso oggi. Stamattina c’è stata lanche a deposizione di Sara Gino, consulente della difesa di Amanda Knox p. Inoltre, è previsto per oggi anche  il completamento dell’esame dei consulenti di parte. Poi le parti potranno avanzare altre eventuali richieste prima che venga dichiarato chiuso il dibattimento. Knox e Sollecito sono stati condannati in primo grado a 26 e 25 anni di reclusione, ma entrambi si proclamano estranei al delitto.

Proseguono intanto le indagini relative all’esame del Dna, in base alle tracce di sangue ritrovate sul reggiseno della vittima.  La biologa della Polizia scientifica, Patrizia Stefanoni ha escluso tuttavia la “contaminazione come fatto oggettivo”. Secondo l’esperta “é provato” che sul gancetto del reggiseno indossato dalla vittima quando venne uccisa c’é il dna della studentessa inglese misto a quello di Sollecito. La Stefanoni ha terminato di rispondere alle domande della Procura generale. Sarà ora sentita dai difensori degli imputati. La biologa ha ricordato che nella casa dell’omicidio sono state repertate 133 tracce, 89 nella stanza del delitto. “In nessuna – ha spiegato – è stato isolato il profilo di Sollecito singolarmente”. La genetica forense ha quindi ricordato che il codice genetico dei due imputati è stato trovato solo su un mozzicone di sigaretta. “Se fosse trasmigrato – ha proseguito – nella stanza della vittima sul gancetto del reggiseno si sarebbe dovuto trovare anche il dna della Knox”. Riguardo all’ipotesi avanzata dai periti della Corte che i reperti possano essere stati contaminati dalla polvere nella casa, la Stefanoni ha affermato che questa “si posa ovunque”. Su tutte le tracce analizzate – ha spiegato ancora la biologa – sono stati trovati solo i profili genetici dei due imputati e della vittima mentre nella casa vivevano anche altre due ragazze. La Stefanoni ha poi rivendicato la correttezza delle analisi compiute nei laboratori della Polizia scientifica. Il gancetto del reggiseno venne esaminato – ha spiegato ancora in aula – dodici giorni dopo l’analisi dell’ultima traccia di Sollecito, mentre il coltello considerato come l’arma del delitto è stato lavorato sei giorni dopo l’ultima traccia della vittima. “Nulla – ha ribadito la Stefanoni – è stato portato nella stanza di Meredith dall’esterno”.

Secondo il prof Giuseppe Novelli docente di genetica umana all’Università Tor Vergata di Roma e consulente del pm inoltre, anche le tracce del coltello, considerato l’arma per uccidere la Kercher, “potevano e dovevano” essere analizzate dai periti della Corte d’assise d’appello di Perugia. Oggi ha deposto in aula contestando le conclusioni degli esperti dei giudici perugini che hanno definito “non attendibili” i risultati degli esami della polizia scientifica. Arrivando alle loro conclusioni in base agli atti, dopo avere escluso di poter ripetere l’analisi. Riferendosi ai prelievi sul coltello, Novelli ha parlato di “tracce analizzabili”. “Oggi – ha aggiunto – abbiamo metodi e protocolli che ci permettono analisi anche di quantità inferiori, come accade anche per la diagnosi di malattie umane”. Il docente ha poi escluso la contaminazione del coltello e del gancetto indossato dalla Kercher quando venne uccisa. “La contaminazione – ha affermato – va sempre dimostrata, l’origine e chi l’ha trasportata”. Novelli ha poi spiegato che nei giorni in cui venivano esaminati i reperti, nei laboratori della scientifica erano esaminati centinaia di profili genetici relativi ad altri casi. Il docente ha detto di averli esaminati “uno ad uno” ma “nessuno” aveva caratteristiche compatibili con quelli della Kercher o di Sollecito.

La polizia scientifica ha seguito una procedura “non corretta” nell’analisi del materiale sul gancetto di reggiseno indossato da Meredith Kercher sul quale è stato trovato il Dna della studentessa inglese misto a quello del giovane pugliese. Lo ha detto il professor Adriano Tagliabracci, consulente della difesa di quest’ultimo deponendo oggi pomeriggio davanti alla Corte d’assise di Perugia. L’esperto ha ricordato che il gancetto è stato spostato e repertato 46 giorni dopo il ritrovamento. “Il sospetto che il materiale su di esso possa essere contaminato – ha aggiunto – è più che forte”. Tagliabracci ha quindi sostenuto che “non sono state eseguite ripetizioni delle amplificazione anche se si trattava di una traccia low copy number, cioé a basso contenuto di Dna”. “Occorreva fare – ha proseguito – tre amplificazioni perché con una il risultato può non essere affidabile. Non è stato poi conservato quanto estratto, per altre analisi, mentre il gancetto è stato lasciato a deteriorare nella soluzione di estrazione”. Il consulente della difesa Sollecito ha inoltre affermato che non è stato tenuto conto di “regole elementari” nella lettura degli elettroferogrammi. “Alcune interpretazioni – ha affermato – sono state piegate alle esigenze dell’accusa”. Tagliabracci ha poi sostenuto che valutando in altra maniera gli stessi elettroferogrammi “si ottiene un profilo diverso da quello di Sollecito, di uno sconosciuto”

Circa redazione

Riprova

Bologna, insegnante non vaccinata positiva al Covid: 300 studenti in Dad

Trecento alunni costretti alla didattica a distanza, quattro classi in quarantena e otto hanno sospeso l’attività didattica. Alla …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com