Annullato processo Meredith: Gioco erotico finito male

Meredith Kercher potrebbe essere morta a causa di un gioco erotico finito male. E’ questa una delle ipotesi sulle quali la Cassazione ha ordinato una nuova valutazione alla Corte di Assise di Appello di Firenze. Ad avviso della Suprema Corte – nelle motivazioni, estese in 74 pagine, del verdetto che lo scorso 25 marzo ha annullato le assoluzioni per i due imputati Raffaele Sollecito e Amanda Knox – l’appello bis dovrà servire “non solo a dimostrare la presenza dei due imputati nel locus commissi delicti, ma ad eventualmente delineare la posizione soggettiva dei concorrenti del Guede, a fronte del ventaglio di situazioni ipotizzabili, che vanno dall’accordo genetico sull’opzione di morte, alla modifica di un programma che contemplava inizialmente solo il coinvolgimento della giovane inglese in un gioco sessuale non condiviso, alla esclusiva forzatura ad un gioco erotico spinto di gruppo, che andò deflagrando, sfuggendo al controllo”. Giulia Buongiorno, legale di Raffaele Sollecito, in una dichiarazione all’Ansa, non teme “alcun tipo di approfondimento perché questo non potrà che far emergere l’estraneità di Raffaele Sollecito alle accuse”. “E’ più o meno quello che ci aspettavamo” ha detto ancora la Bongiorno. “La Cassazione – ha aggiunto – ha infatti disposto un approfondimento sul materiale probatorio e indiziario. Ma noi non temiamo alcun tipo di approfondimento”. Per l’avvocato difensore del giovane pugliese, “se gioco erotico c’è stato si cerchino gli altri protagonisti che non sono certamente Raffaele Sollecito e Amanda Knox”. “La prova scientifica – ha sottolineato ancora l’avvocato Bongiorno – dimostra infatti che non ci sono tracce di Dna di Sollecito e della Knox sulla scena del delitto”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com