Omicidio Lignano, giovane cubana confessa: “Li ho uccisi io”

E’ crollata dopo ore di interrogatorio Lisandra Aguila Rico, la giovane di origine cubana fermata perché ritenuta responsabile del duplice delitto di Lignano. La ragazza ha confessato di aver partecipato al massacro. Per lei l’arresto è stato immediato.

E’ stato quindi risolto il giallo in merito all’assassinio della coppia di anziani coniugi avvenuto quest’estate a Lignano Sabbiadoro. Rico, 21 anni, è stata fermata dai Carabinieri la notte scorsa; la giovane è cubana ma residente nella località balneare in provincia di Udine. Complice del delitto sarebbe il fratellastro, di tre anni più grande, che avrebbe già trovato rifugio a Cuba e che è ricercato. La ragazza è  stata bloccata in Campania mentre tentava di allontanarsi per far perdere le proprie tracce: ad incastrarla sarebbero l’esame del Dna e forse anche qualche intercettazione telefonica.

Nelle prossime ore verrà nuovamente interrogata dal magistrato inquirente, il pm Claudia Danelon. Secondo la ricostruzione degli investigatori, i due il 19 agosto avrebbero materialmente ucciso Rosetta Sostero, 65 anni, e Paolo Burgato, 67, nella loro villetta di via Annia 12.

 

I due coniugi sono stati barbaramente massacrati il 19 agosto scorso nel garage-lavanderia della loro casa, a Lignano Sabbiadoro, dopo una giornata trascorsa nel loro negozio nella località balneare friulana.  A scoprire i corpi con la gola tagliata, figlio Michele, tremendamente sconvolto per l’accaduto, ma “grato ai militari per il “per l’eccellente lavoro svolto”.” Il controllo capillare del territorio da parte dell’Arma – ha riferito il suo avvocato – ha permesso di giungere nell’arco di pochi giorni all’identificazione e all’arresto dell’autore di un così efferato delitto, dal quale si attendono ulteriori positivi riscontri”.

“E’ una svolta e devo dire che i carabinieri sono stati straordinari”, commenta il Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri. “I carabinieri – ha affermato, arrivando in Prefettura a Trieste per la firma di alcuni protocolli – hanno condotto un’indagine molto difficile e complessa ma sono arrivati a un risultato. Quindi possiamo essere molto soddisfatti e complimentarci per la loro professionalità”.

 

 

Circa admin

Riprova

Pedopornografia: maxi operazione Procura di Napoli, perquisite 26 persone

Su delega della Procura della Repubblica di Napoli e nel rispetto della presunzione di non …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com