Olanda e divieto di bollitura per aragoste e granchi vivi

Il ministro dell’Agricoltura olandese, Carola Schouten, vuole vietare la bollitura di aragoste, polpi e granchi vivi, affinché tale pratica venga bandita dai ristoranti olandesi: prima di cucinarli, dunque, questi animali dovranno obbligatoriamente essere morti. Lo ha promesso durante il dibattito sul bilancio agricolo, come riferiscono anche i media locali.

In risposta a un appello del PvdD (Partito per gli Animali olandese, Partij voor de Dieren) che aveva richiesto il divieto di cucinare vivi questi animali, la Schouten ha affermato che la decisione che porterà alla tutela di queste specie, è stata esaminata in un contesto europeo e che pensa che sia una cosa eccellente.

La ministra, inoltre, ha riferito che studierà anche cosa si può fare nei Paesi Bassi per garantire che gli animali non verranno cotti vivi, anche prima di tale divieto, affinché gli chef nei ristoranti inizino ad abituarsi a questo nuovo modo di procedere. E pare che già molti ristoranti si siano conformati a questo nuova modalità di cottura, sperimentando metodi alternativi.

Circa Redazione

Riprova

Cavalieri del lavoro: le storie delle famiglie del made in Italy

Curato dalla Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro, il volume – edito da Marsilio Arte …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com