Oggi, diversi millenni fa veniva fondata Napoli

Nea Polis, la nuova città, tra le più antiche e tuttora esistenti del globo, veniva fondata il giorno 21 dicembre sui resti di Palepoli. L’antica polis distrutta e rasa al suolo dai greci stessi rifiorì e fu chiamata Nea Polis. Ecco uno stralcio di Dicearco da Messina, filosofo e scrittore greco, discepolo e figlioccio prediletto di Aristotele, che narra la nascita di Napoli: ‘Nell’ inverno del primo anno della settantasettesima Olimpiade al cominciare del giorno nel quale il sole, sorgendo, irradia dal punto dell’orizzonte più vicino al mezzogiorno essendo stati assoggettati alla giurisdizione cumana gli abitanti di Partenope, noi cittadini e soldati di Cuma, sotto la guida del nobile e saggio Ileotimo, figlio di Timanore, esperto nella sapienza di Pitagora, abbiamo risalito all’alba il sovrastante colle fino alla sua vetta, allo scopo di prendere gli auspici per la fondazione di una nuova città in un sito più ampio ed agevole di quello che chiamano Euploia, ove è ristretto l’abitato di Partenope’. Tra l’isolotto di Megaride e il Monte Echia-Pizzofalcone, quell’insediamento chiamato Paleapolis, città vecchia, lascia il posto a Nea polis, città nuova, tagliata dal reticolo ippodameo, incrocio di cardi e decumani.

 

Circa Redazione

Riprova

Roby Facchinetti, ‘Invisibili’, il singolo in radio, da martedì 1 dicembre

Sarà in rotazione radiofonica dal 1 dicembre Invisibili secondo singolo dell’ultimo album di Roby Facchinetti Inseguendo la mia musica, …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com