Nozze gay: la Francia dice sì

Sì alle nozze gay. Si apre una nuova era in Francia, dopo che il Consiglio dei ministri riunitosi a Parigi, ha varato la legge che equipara le nozze gay a quelle tra eterosessuali.

 Con l’approvazione delle unioni omosessuali la definizione del codice civile cambierà da “unione fra un uomo e una donna a quella di unione fra due persone”.  Quindi i coniugi gay avranno esattamente gli stessi diritti e doveri degli eterosessuali, potranno adottare figli ed erediteranno dal partner.

A promuovere la legalizzazione tra le unioni gay, era stato anche il  presidente francese Francois Hollande, durante la sua campagna elettorale.  Per la portavoce del governo Najat Vallaud-Belkacem,  quello di oggi rappresenta “un progresso per l'intera società, non solo per pochi”. Il 65% dei francesi, afferma oggi un sondaggio Ifop, sostiene i matrimoni omosessuali, ma la percentuale si riduce al 52% per l'adozione. Ma l'opposizione, a partire dall'Unione per un Movimento popolare dell'ex presidente Nicolas Sarkozy, intende dare battaglia sul provvedimento, decisamente avversato dalla Chiesa cattolica. La settimana scorsa, il cardinale André Vingt Trois ha aperto a Lourdes la riunione della conferenza episcopale da lui presieduta con un duro attacco al matrimonio omosessuale, definito una "frode" che rischia di minare le fondamenta della società. Contro le nozze gay si sono schierati anche i leader religiosi ebraici e musulmani.

Circa admin

Riprova

Borrell, accesso umanitaria a Gaza ora impossibile

“La fornitura di assistenza umanitaria all’interno di Gaza è diventata impossibile. Nonostante tutte le pause …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com