Novità Ecobonus auto: 500 milioni di fondi disponibili

Il primo agosto sono partiti gli Ecobonus in Italia, previsti dal Governo sia per svecchiare il parco auto inquinante, che per dare una spinta al settore auto in crisi, dopo il devastante periodo segnato dal lockdown per il Coronavirus.

Oggi la grande novità, i fondi previsti inizialmente dal Governo aumentano e arrivano alla somma di 500 milioni di euro, ritocco al rialzo per gli incentivi stanziati per le auto a basse emissioni. Rispetto allo schema previsto inizialmente, ci sono delle differenze. L’aumento delle risorse interessa la fascia più alta, tra i 61 e i 110 grammi di emissioni di CO2 per chilometro, che viene poi suddivisa in due categorie. L’incentivo con rottamazione ammonta a 1.750 euro per vetture che emettono tra i 61 e i 90 grammi, resta 1.500 euro per quelle tra i 91 e i 110 grammi.

Per coloro che non rottamano alcun vecchio veicolo lo schema è il seguente:

  • emissioni tra i 61 e i 90 grammi, il bonus sale a 1.000 euro;
  • emissioni tra i 91 e i 110 grammi di CO2, il bonus resta di 750 euro.

Viene aggiunto poi il contributo di 2.000 euro da parte dei concessionari in caso di rottamazione, di 1.000 euro senza rottamazione.

Per quanto riguarda le auto elettriche, con emissioni di CO2 tra 0 e 20 grammi/km, con un prezzo di listino inferiore a 50.000 euro, se si rottama un’auto con più di 10 anni il bonus sale a 10.000 euro, 4.000 euro più i 6.000 euro dell’Ecobonus già previsto dalla legge dello scorso anno. Se invece non si rottama un vecchio mezzo, il bonus è di 2.000 euro più Ecobonus di 4.500 euro, per un totale di 6.500 euro.

Per le auto ibride plug-in con emissioni tra 21 e 60 g/km, prezzo massimo di 50mila euro, con rottamazione si ottengono fino a 6.500 euro, senza rottamazione fino a 3.500 euro. I veicoli con emissioni di CO2 comprese tra i 61 e i 110 g/km (Euro 6) con prezzo sotto i 40.0000 euro, nel DL si prevede un incentivo totale di 3.500 euro con rottamazione e di 1.750 senza.

Rispetto a quanto previsto fino ad ora, nel Decreto Agosto oggi c’è una novità e si prevede un’altra differenziazione per le vetture fino a 90 grammi di emissioni e quelle tra i 90 e i 110 grammi. Le prime beneficiano di 1.750 euro di bonus con rottamazione più 2.000 euro di contributo, che diventano 1.000 più 1.000 senza rottamazione. Le seconde vengono scontate di 1.500 euro in caso di rottamazione più 2.000 euro di contributo, 750 euro senza rottamazione più 1.000 di contributo. Di questi nuovi 500 milioni, 90 vengono stanziati per l’installazione delle infrastrutture di ricarica delle auto elettriche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com