Notte di incendi in Sicilia. Terreni bruciati dallo scirocco

 

La Sicilia è in fiamme.  A causare gli incendi che stanno devastando aree boschive e terreni coltivati nel palermitano e nel messinese, lo scirocco ha alzato la colonnina di mercurio fino a 30 gradi.

Gli episodi più preoccupanti a  a Cefalu’ (Palermo) e a Tusa (Messina), dove le fiamme hanno coperto  una linea di oltre 6 chilometri, costringendo molte famiglie ad evacuare.  L’ultimo incendio a Cefalù questa notte. Nella cittadina siciliana ssono già andati in cenere 1.500 ettari di boschi, e dall’alba sono tornati in azione i mezzi aerei.

Incendi anche a San Mauro Castelverde, dove le fiamme divampate in un bosco naturale, sono state domate all’alba. Al momento stanno operando 7 elicotteri Sierra del corpo forestale e 4 Canadair. Atteso anche l’arrivo di 2 Fire Boss. Dalla notte scorsa un altro fronte si è  propagato sulle alture di Ucria (Messina), e impegna gli uomini del Corpo forestale e i mezzi aerei. Anche qui si sta predisponendo il dispositivo interfaccia, perché  alcune abitazioni sono minacciate dalle fiamme. In azione gli elicotteri Sierra e i Canadair della Protezione civile, ma  è stato richiesto anche l’intervento degli aerei Fire Boss.

Circa admin

Riprova

Migranti: nel 2021 riconosciuto titolo di studio a oltre 900 rifugiati

Sono oltre 900 i rifugiati che l’anno scorso sono stati integrati nel nostro Paese tramite …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com