Nonostante i coprifuoco ancora una notte di proteste negli Usa

Nonostante i coprifuoco proteste, incendi e sommosse continuano a sconvolgere gli Stati Uniti pedr il sesto giorno consecutivo dopo la brutale uccisione di George Floryd a Minneapolis da parte della polizia. Incendi si segnalano anche a Washington e anche nei pressi della casa Bianca. Tra crescente rabbia e frustrazione per il ripetuto fallimento del sistema di polizia americano nell’affrontare il numero sbalorditivo di morti di disarmati afroamericani per mano di ufficiali, i sindaci di più di una dozzina di città hanno imposto il coprifuoco e governatori di sei stati hanno mobilitato nella guardia nazionale. Ma la mossa non ha impedito ai manifestanti di radunarsi di nuovo in molte città nella sera di domenica. Dalla morte della settimana scorsa oltre 4.100 manifestanti sono stati arrestati.

A Minneapolis, dove la scorsa settimana sono iniziate le proteste dopo la scoperta del video di un ufficiale di polizia col ginocchio sul collo di Floyd per quasi nove minuti, le truppe della Guardia Nazionale sono state dispiegate mentre le manifestazioni continuavano. A Washington DC, ci sono stati intensi disordini a Lafayette Park, proprio di fronte alla Casa Bianca, quando la polizia si è mossa per imporre il coprifuoco. Il seminterrato della “Chiesa dei presidenti”, situato di fronte alla Casa Bianca, ha preso brevemente fuoco, prima che l’incendio venisse estinto dai pompieri. La polizia ha sparato sparato gas lacrimogeni contro la folla e oltre alla guardia nazionale e alla polizia sono stati mobilitari anche gli agenti della DEA. Nel quartiere di Santa Monica a Los Angeles, la polizia ha sparato lacrimogeni e altri proiettili contro i manifestanti che bloccavano una delle principali strade dello shopping. Si sono registrati saccheggi in diverse attività commerciali, inclusi negozi di abbigliamento e scarpe.

A New York migliaia di manifestanti sono tornati in strada, durante il giorno hanno marciato per Manhattan e poi si sono radunate a Union Square, dove sabato sera erano state incendiate numerose macchine della polizia. A Brooklyn, la manifestazione è stata più tranquilla. Tra i manifestatnti c’erano molte famiglie. Sommosse e saccheggi si sono registrati anche a Filadelfia, Boston, Chicago e in altre città del paese. Numerosi ancora i casi di eccessi della polizia, che ha spesso fatto ricorso a tattiche pesanti e arrestato manifestanti e giornalisti in modo indiscriminato.Nella città di Fort Lauderdale, in Florida, agenti in motocicletta hanno sparato lacrimogeni direttamente contro i manifestanti secondo quanto riportato dalla stampa locale. Ad Atlanta, dove i gas lacrimogeni sono stati nuovamente utilizzati dalla polizia per le strade, due agenti sono stati licenziati e tre sono stati messi in servizio di ufficio per un uso eccessivo della forza sabato notte. Un video mostra un gruppo di agenti di polizia che circonda un’auto guidata da un uomo con una donna sul sedile del passeggero. Gli agenti tirano fuori la donna per ammanettarla e sembrano usare una pistola stordente sull’uomo.

A Minneapolis, le autorità hanno cercato di imporre il rispetto del coprifuoco per impedire le sommosse e i saccheggi del giorno precedente. Molte delle strade della città sono bloccate da barricate improvisate e diverse persone hanno sfidato l’ordine di rimanere a casa la sera. Il principale luogo di ritrovo è stato il punto dove George Floyd è stato arrestato e ucciso. Sul posto c’è adesso un memoriale pieno di fiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com