‘Ndrangheta: 15 arresti nel catanzarese

Quindici persone ritenute appartenenti alla cosca Sia-Procopio-Tripodi attiva nell’area ionica del Soveratese, sono state arrestate dai carabinieri del comando provinciale di Catanzaro. Le accuse a vario titolo sono: associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidio, sequestro di persona, occultamento di cadavere, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo le indagini dei militari dell’Arma catanzarese, con la collaborazione del Ros, tra le persone raggiunte dalla misura cautelare ci sarebbero anche i mandanti e gli esecutori dell’omicidio di Giuseppe Todaro, del 22 dicembre 2009, vittima di un caso di lupara bianca. L’uomo, secondo le indagini, sarebbe stato vittima della faida che si è registrata tra la cosca colpita con l’operazione e quella dei Gallace-Novella, a cui sarebbe stato affiliato Todaro. Nel corso delle attività investigative è stato anche possibile ricostruire i ruoli dei componenti del “locale” di ‘ndrangheta di Soverato, attivo dal 2002 nel comprensorio. C’è anche un carabiniere tra le persone arrestate stamani nell’ambito dell’operazione condotta dai suoi colleghi del Comando provinciale di Catanzaro e della Compagnia di Soverato contro presunti affiliati alla cosca Sia – Procopio – Tripodi operante nell’area ionica soveratese. E’ quanto si è appreso in ambienti investigativi. Il militare, che era ancora in servizio, è accusato di associazione mafiosa. Non è stato ancora specificato dove prestasse servizio. L’operazione, coordinata dalla Dda di Catanzaro, ha colpito una delle cosche coinvolte da anni in quella che viene chiamata ”faida dei boschi”, uno scontro che vede contrapposte famiglie di ‘ndrangheta che operano nella zona al confine tra le province di Catanzaro, Reggio Calabria e Vibo Valentia e che negli ultimi tre anni ha provocato una ventina di morti. La faida, nata per gli interessi sui lavori boschivi, si è trasformata col passare degli anni in una vera e propria guerra di mafia per il predominio sul territorio, sugli appalti pubblici, degli insediamenti turistici e della realizzazione di impianti di energia alternativa.

Circa admin

Riprova

‘Ndrangheta: sequestrato 1 mln a figlio boss cosca Villa San Giovanni

Sarebbe la ‘lunga mano’ che agirebbe per conto del padre, condannato nel 2020 in Appello …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com