Napoli. Trans aggredita dal vicino con bastone chiodato

Prima gli insulti, minacce verbali e sui social, dispetti vari. Poi si è passati all’aggressione fisica. A scatenare la furia di un 39enne di Giugliano, in Campania, nei confronti di un transessuale è stata la matrice omofoba. L’uomo avrebbe ripetutamente colpito con un bastone di legno una transessuale 29enne. La moglie dell’aggressore, 34enne, ha cercato di riportalo alla calma e solo l’intervento dei carabinieri, allertati dai vicini, ha evitato che l’aggressione finisse in tragedia. I militari hanno bloccato il 39enne mentre era in evidente stato di agitazione e brandiva un bastone di legno di 90 centimetri con 3 chiodi arrugginiti conficcati colpendo la transessuale 29enne. L’aggressore è stato è stato arrestato dai carabinieri per atti persecutori e lesioni personali aggravate ai danni dei vicini di casa, una transessuale 29enne e la compagna 58enne. Nel corso delle indagini è emerso che da circa due mesi i coniugi, per motivi verosimilmente legati all’omofobia, avevano assunto nei confronti dell’altra coppia una serie di comportamenti persecutori: insulti, minacce verbali e sui social, dispetti vari. All’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, i medici hanno riscontrato alla 29enne una “contusione ed un taglio al dorso e alla mano sinistra guaribili in 10 giorni”, mentre all’aggressore alcune contusioni guaribili in 3 giorni e alla moglie traumi a della mano sinistra guaribili in 4 giorni. Il bastone è stato sequestrato ed il 39enne è stato rinchiuso nel carcere di Poggioreale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com