Napoli. Tenta la fuga sui tetti, arrestato Maurizio Ferraiuolo

Maurizio Ferraiuolo,  per sfuggire alla cattura dei carabinieri, è prima salito sul tetto e poi ha minacciato di lanciarsi nel vuoto. Ferraiolo, latitante, è a capo dell’omonimo clan della zona della Maddalena, nel centro di Napoli. L’uomo è stato rintracciato in un’abitazione alla traversa di via Diaz a Casoria, grosso centro alle porte del capoluogo campano. Ferraiuolo era ricercato dallo scorso mese di maggio ed era il cognato di Giovanni Saggese, ucciso con diversi colpi d’arma da fuoco il 21 maggio scorso in piazza Calenda, nel cuore del quartiere Forcella a Napoli, a poca distanza dai vicoli a ridosso di piazza Garibaldi, in cui esercita il proprio potere criminale il gruppo Ferraiuolo. Il latitnate non era armato quando è stato individuato dai carabinieri ma nel suo covo custodiva tre pistole, due semiautomatiche ,un revolver e un fucile mitragliatore. Le armi sono state sequestrate dai carabinieri al termine di una perquisizione nell’abitazione dove si era rifugiato per sfuggire all’arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com