Napoli. Antonio D’Amato a giudizio per diffamazione contro Lettieri

L’ex presidente della Confindustria di Napoli Antonio D’Amato è stato citato a giudizio dalla Procura di Napoli per diffamazione aggravata e continuata ai danni di Gianni Lettieri, candidato non eletto a sindaco del capoluogo campano nel 2011 per il Pdl. D’Amato è accusato di aver diffamato Lettieri affermando, nella trasmissione ‘L’infedele’ e sul quotidiano ‘Il Mattino’, che nella campagna elettorale 2011 a Napoli si giocava una partita fondamentale della “legalità contro l’illegalità della camorra”, lasciando intendere che la prima era rappresentata dall’ex magistrato Luigi de Magistris, poi eletto sindaco e la seconda da Lettieri, candidato del Centrodestra.  L’udienza davanti al giudice monocratico è stata fissata per il 21 gennaio 2014. All’ex numero uno di Confindustria napoli la Procura contesta di aver offeso, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, l’onore e il decoro di Lettieri nelle due interviste del 23 maggio all’Infedele e del 25 maggio al Mattino. Sia D’Amato, che attualmente è presidente del Gruppo Cavalieri del lavoro del Mezzogiorno, sia Lettieri, che è presidente di AtiTech e di Meridie, società finanziaria quotata alla Borsa Italiana, sono stati, in momenti diversi, presidenti dell’Unione degli Industriali di Napoli.

Circa redazione

Riprova

Premio giornalistico ‘Cristiana Matano’, sesta edizione. Pronto il bando 2021

E’ da oggi sul sito www.occhibluonlus.com il bando per la sesta edizione del Premio giornalistico …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com