MUTA IMAGO presenta SONORA DESERT con musiche originali di Alvin Curran, dall’8 al 20 giugno al Teatro India

Teatro India

8 • 20 giugno 2021 

TEATRO DI ROMA in corealizzazione con ROMAEUROPA FESTIVAL 2021 (anteprima)

Muta Imago (Riccardo Fazi e Claudia Sorace) presenta il nuovo lavoro Sonora Desert,

risultato produttivo del progetto Oceano Indiano presentato nella programmazione del Teatro di Roma e

come appuntamento d’anteprima del Romaeuropa Festival 2021:

un viaggio immaginario, un’esperienza percettiva – tra installazione, concerto e performance sonora – che invita i visitatori

ad esplorare una dimensione liminale del sé, muovendosi tra ricordi personali, memoria inconscia e

 immagini archetipiche, in dialogo con le musiche appositamente composte da Alvin Curran.

SONORA DESERT

di Muta Imago

regia, luci, scene Claudia Sorace

testi, ricerche e drammaturgia sonoraRiccardo Fazi

musiche originaliAlvin Curran

direzione tecnica, realizzazione scene e luciMaria Elena Fusacchia – assistenza alla direzione tecnica Simona GalloCamila Chiozza

guide Chiara CaimmiFrancesco Di Stefano – organizzazione Martina Merico – cura Ilaria Mancia

 da un’idea di Glen BlackhallRiccardo FaziClaudia Sorace

Produzione Muta Imago

coproduzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Fondazione I Teatri Festival Aperto di Reggio Emilia

con il sostegno di Azienda Speciale Palaexpo, Mic

in corealizzazione con Romaeuropa Festival

 Durante lo spettacolo è previsto l’uso di luci stroboscopiche e vibrazioni, si sconsiglia la visione a chi soffre di epilessia e cardiopatia

 La capienza prevista per ogni rappresentazione è di 20 persone

Dal’8 al 20 giugno il Teatro India diffonde nei suoi spazi la creazione produttiva di  Muta Imago (Riccardo Fazi e Claudia Sorace) una delle compagnie residenti di Oceano Indiano, che torna a immergersi nell’indagine sul rapporto tra spazio, tempo e percezione umana, con l’esperienza sensoriale di SONORA DESERT, un lavoro – inserito nella programmazione del Teatro di Roma e presentato come anteprima del Romaeuropa Festival 2021 – che si snoderà attraverso le tre sale teatrali (A, B e Studio B), invitando il pubblico in una dimensione psichedelica sospesa tra sonno e veglia per fruire di un inedito formato tra istallazione, concerto e performance sonora.

SONORA DESERT – una coproduzione Muta Imago e Teatro di Roma – Teatro NazionaleFondazione I Teatri Festival Aperto di Reggio Emilia in co-realizzazione con Romaeuropa Festival – è un dispositivo installativo che indaga il rapporto tra percezione e stati di coscienza, ispirato a un viaggio compiuto nel Deserto di Sonora, uno dei più vasti deserti americani, al confine tra l’Arizona e il Messico. A partire dalle pagine del diario di viaggio attraverso questo luogo mitico – spazio assoluto, vuoto di cultura e di senso – Sonora Desert si configura come un esercizio sulla distanza e sul desiderio.

La ricerca di Muta Imago sulla natura del tempo e le indagini compiute in America negli anni ’60 tra vibrazioni e stati di coscienza si incontrano nella forma di uno spettacolo dove non c’è niente da vedere, perché ogni cosa accade nella mente dello spettatore. «Sonora Desert è un esperimento nel senso che la sua dimensione e il suo contenuto non sono definitivi, nel senso che assume forma e significati diversi per ognuno. E’ un esperimento in quanto è sguarnito e vulnerabile».

Un ambiente di vibrazioni sonore, luminose e cromatiche, in dialogo con le musiche appositamente composte da Alvin Curran, mette lo spettatore in relazione profonda con la realtà di un mondo dove il tempo e l’io si fondono, dove la scena scompare, assieme a ogni presenza umana e ad ogni possibilità di racconto univoco. Claudia Sorace e Riccardo Fazi creano un viaggio ideale in un deserto di segno e di senso, in radicale opposizione al dominio attuale della comunicazione; un luogo immaginario da fruire tra sonno e veglia,dove lo spettatore possa sperimentare una dimensione liminale del sé, attraversando spazi e tempi della propria memoria inconscia e archetipica. «Può un progetto artistico aiutarci a sovvertire la nostra percezione quotidiana del tempo? Come creare un’esperienza che possa ricollocarci in relazione all’infinitamente grande e all’infinitamente piccolo, al passato più remoto e a ciò che deve ancora accadere? Cosa significa provocare attraverso un’operazione artistica i limiti della nostra percezione abituale?».

TEATRO INDIA_ Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) – Roma

Biglietteria Teatro di Roma _ tel. 06.684.000.311/314 _ www.teatrodiroma.net

Biglietteria Vendita e acquisto online dei biglietti sul portale vivaticket.com e 3 ore prima dell’inizio dello spettacolo

Botteghino Teatro India: da martedì 4 maggio, dalle ore 16.00 _ domenica dalle 14.00

Orari spettacolo: ore 17.00 – 19.00 – 21.00 _ lunedì riposo
capienza prevista per ogni rappresentazione: 20 persone
Durante lo spettacolo è previsto l’uso di luci stroboscopiche
Si sconsiglia la visione a chi soffre di epilessia e cardiopatia
Biglietti spettacoli: 
intero 10 euro
Durata spettacolo: 70 minuti

Alcune indicazioni sulle modalità di accesso agli spettacoli:

Per evitare code ed assembramenti, vi invitiamo a presentarvi presso il luogo dello spettacolo con largo anticipo, presentando il biglietto sul vostro telefono o altro dispositivo elettronico.

Potrà accedere in sala il pubblico munito di mascherina e con temperatura inferiore a 37.5.
Sullo spazio troverete i dispenser per l’igienizzazione delle mani
I posti in sala garantiscono il distanziamento interpersonale nel rispetto delle normative vigenti. 

Per permetterti di godere le rappresentazioni al meglio e in totale sicurezza, in tutti i nostri teatri potrai scegliere se acquistare posti singoli o posti in coppia. Al momento dell’accesso in sala ti sarà richiesta un’ autodichiarazione:

Circa Redazione

Riprova

Sport e disabilità – La Squadra di Calcio per Non Vedenti, nell’ultimo corto di Daniele Frontoni

Sport e disabilità in un video che parla di Calcio Non Vedenti e che vede …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com