Mubarak clinicamente morto. Giallo sulla sorte dell’ex rais

Mubarak morto? Resta ancora un mistero la sorte dell’ex rais egiziano. Diverse le notizie diffuse dalle agenzia  di stampa egiziana statale Mena. Prima quella di un ictus, poi quelle di un coma che hanno fatto sì che i medici lo dichiarassero “clinicamente morto”. Mentre si sono susseguite nella notte le notizie sull’ex presidente egiziano Hosni Mubarak, condannato all’ergastolo il 2 giugno scorso per aver ordinato di sparare sui manifestanti durante la Rivoluzione del 25 gennaio, l’unica certezza è quella che le sue condizioni di salute si stanno notevolmente aggravando. Tanto che, superando gli ostacoli posti dalle autorità, l’ex raìs è stato trasferito dall’ospedale del carcere di Tora, dove si trova appunto dal 2 giugno, a una struttura medica militare, dove viene tenuto in vita dai medici.

Ed è proprio davanti all’ospedale militare di Maadi che dalla notte si sono riuniti sostenitori e oppositori del deposto presidente, 84 anni. Intanto il Consiglio supremo delle Forze Armate, che ha riassunto il potere legislativo dopo lo scioglimento del Parlamento, si è affrettato a smentire che Mubarak sia clinicamente morto. In ogni caso le sue condizioni di salute restano critiche e, secondo fonti a lui vicine, avrebbe avuto un attacco cardiaco che gli avrebbe fernato le funzioni vitali, poi riattivate dai medici.

La direzione del carcere di Tora ha vietato ai figli di Mubarak, Alaa e Gamal, di accompagnare il padre nell’ospedale militare di Maadi. Lo riferisce il sito di Al-Ahram citando una fonte della sicurezza che chiede l’anonimato. I due figli dell’ex raìs sono stati trasferiti dall’ospedale del carcere di Tora in una cella dopo che Hosni Mubarak è stato trasferito in quanto ”non c’erano più motivi che restassero in ospedale”. Gamal, il figlio minore e un tempo delfino di Mubarak, era furioso per il peggioramento delle condizioni di salute del padre. ”Ha detto: ‘avevo già avvisato del deteriorarsi della sua salute se rimaneva nel carcere di Tora’. Ed era ancora più infuriato quando è stato trasferito in cella”, ha proseguito la fonte. Alaa e Gamal sono attualmente detenuti con l’accusa di aggiotaggio.

Circa Piera Toppi

Riprova

CANDIDATURA DI RENATO SCHIFANI ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE SICILIANA

“Giorgia Meloni continua a sostenere che il miglior candidato possibile è Nello Musumeci, ma di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com