Morte di due giovani precipitati

 MILANO. Due giovani, una ragazza di 19 anni e un ragazzo di 20, sono precipitati dal settimo piano di un palazzo, a Milano. La giovane è deceduta sul colpo, lui è stato ricoverato in gravissime condizioni ed è deceduto stamani all’ospedale S.Grardo di Monza. Al momento non è ancora chiaro se si sia trattato di un suicidio o se venga presa in considerazione qualche altra ipotesi. Sul posto si trova la polizia, che sta compiendo accertamenti. E’ accaduto in via Novaro 16, in un complesso condominiale non distante da Affori, nella parte nord della città. Lui l’ha trascinata giù,  ha raccontato in un bar una modella inglese che abita di fronte all’appartamento da dove sono precipitati i due giovani a Milano, e quando abbiamo sentito il rumore pensavamo fosse un colpo di pistola ma la polizia lo ha escluso. Ho sentito delle urla di aiuto, la voce di una ragazza che gridava, ha raccontato un’altra condomina del palazzo in via Novaro 16 dove è avvenuta la tragedia. Gridava aiuto, aiuto. Era attorno a mezzanotte e mezza, precisa la donna. Abbiamo chiamato la polizia e poco dopo abbiamo sentito un rumore terribile. Un tonfo incredibile, agghiacciante. A questo punto credo che fosse la sua fidanzata. Di recente sembra che si fossero lasciati Aveva già provato circa un anno fa a uccidersi lanciandosi nel vuoto il ragazzo di vent’anni che questa notte è precipitato dal settimo piano.   Al bar sotto casa lo conoscevano di vista e ricordano bene che alcuni mesi fa aveva tentato di togliersi la vita buttandosi dal terrazzo della propria abitazione. Era rimasto lì in piedi per un’ora,  racconta Franco, un residente,  poi un vigile lo aveva distratto ed un altro lo ha afferrato con coraggio. Era stato adottato, sembrava un così bravo ragazzo. La sua famiglia è agiata, non avevano problemi di soldi. Lo vedevo sempre in giro in zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com