Moody’s boccia il piano Zapatero. Spagna declassata

Dopo Standard&Poor’s e Fitch, arriva ora anche la bocciatura di Moody’s. la società di rating declassa la Spagna. Nonostante i tagli e le manovre ‘lacrime e sangue’ adottate dal governo Zapatero, lo stato di salute dei conti di Madrid continua a non convincere. E Moody’s così abbassa di due scalini il rating sulla solvibilità del debito sovrano spagnolo, portandolo da Aa2 ad A1. e questo è senza dubbio un duro colpo per Madrid, a un mese dalle elezioni politiche e proprio mentre in Europa si tenta di trovare un accordo per arginare la gravissima crisi finanziaria e il rischio che da alcuni Paesi la febbre si diffonda su scala globale.

“La decisione – spiega l’agenzia di valutazione – é dovuta soprattutto all’alto livello di indebitamento del settore bancario del Paese iberico. Un livello tale che – per gli analisti di Moody’s – potrebbe portare ad un ulteriore declassamento se la crisi nell’eurozona dovesse peggiorare”. E proprio per scongiurare una crisi che si potrebbe estendere a macchia d’olio, domenica prossima i leader europei da Bruxelles potrebbero mettere sul tavolo un piano che prevede di quintuplicare la capacità finanziaria effettiva del Fondo salva-Stati, portandola a oltre 2.000 miliardi di euro. su questo punto Germania e Francia avrebbero trovato un accordo. A preoccupare gli analisti di Moody’s è la vulnerabilità della Spagna di fronte alle tensioni sui mercati. E la crescita che non decolla. Secondo l’agenzia americana l’economia iberica non dovrebbe andare oltre l’1% nel 2012, contro l’1,8% precedentemente stimato: questo renderà ancora più difficile il raggiungimento degli obiettivi di bilancio fissati dal governo Zapatero. Sostanzialmente il piano di austerity e la ricapitalizzazione delle banche non convince più di tanto Moody’s, il cui giudizio sulla Spagna è più severo rispetto a quello delle altre due principali agenzie di rating. Standard&Poor’s e Fitch hanno infierito di meno, abbassando la loro valutazione sul debito spagnolo ad AA-1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com