Meteo. Fino a lunedì anticiclone subtropicale e TEMPERATURE ANOMALE, picchi di 20°C sull’Italia

 L’alta pressione subtropicale è in fase di continua rimonta e si sta espandendo dal medio Atlantico e dall’Africa nordoccidentale verso il Mediterraneo centro-occidentale, alimentata da masse di aria molto mite che nei prossimi giorni si intensificheranno ulteriormente interessando anche l’Italia. Già in queste ore il clima sulle nostre regioni si sta facendo particolarmente dolce sulle zone al di fuori delle inversioni termiche, con minime che lungo parte delle coste tirreniche non scendono sotto i 14°C. Il caldo nelle ore diurne si avvertirà soprattutto nelle zone non interessate dalla nuvolosità con massime che entro l’inizio della nuova settimana potranno localmente superare i 20°C.

Una perturbazione in arrivo dalla Francia si avvicina alle Alpi scorrendo lungo il perimetro superiore dell’alta pressione e determinerà un peggioramento sulle aree confinali con piogge in estensione dalla Valle d’Aosta all’Alto Adige e con neve a quote anche superiori ai 2000m. un flusso di correnti umide occidentali determina inoltre addensamenti irregolari sulle regioni tirreniche, Liguria centro-orientale e Puglia con qualche debole pioggia in Calabria. Tempo più soleggiato altrove, mite, con massime fino a 16/18°C su Marche, Puglia, Basilicata e versanti orientali delle isole maggiori.

METEO LUNEDÌ. Alta pressione in rinforzo e miglioramento sulle Alpi con ampie schiarite, prevalenza di bel tempo anche sul resto del Nord salvo nebbie fino al mattino sulla Val Padana e annuvolamenti su alto Veneto, Friuli e Levante Ligure. Altrove qualche annuvolamento su Toscana interna e regioni del basso Tirreno, in prevalenza sereno o poco nuvoloso altrove. Temperature in aumento con massime fino a 21/22°C sul Piemonte occidentale, 18/20°C su medio-basso Adriatico e isole maggiori. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia. Da martedì fronte artico in avvicinamento all’Italia, con temperature e quota neve in calo. Clicca qui per conoscere le conseguenza sulle nostre regioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com