Merkel apre all’import di gas dagli Usa

 Angela Merkel cede alle pressioni di Donald Trump e offre il sostegno del governo tedesco per cofinanziare la costruzione nel nord del Paese di un terminal da 500 milioni di euro per l’import di gas liquefatto (gnl) americano. Lo scrive il Wall Street Journal, citando quanto avrebbe detto la cancelliera a un piccolo gruppo di parlamentari durante una colazione di lavoro.

Il presidente Usa aveva accusato Berlino per la sua quasi totale dipendenza energetica da Mosca. Secondo le fonti, la Merkel non ha descritto il suo ripensamento come una sconfitta ma come una decisione ‘strategica’ che potrebbe ripagare a lungo termine. Dirigenti tedeschi e americani hanno spiegato che l’apertura di Berlino al gas naturale liquefatto americano potrebbe aiutare a risolvere la disputa commerciale con Washington e ad evitare eventuali sanzioni americane contro il gasdotto South Stream 2 tra Russia e Germania, che raddoppierà la capacita’ dell’export di gas russo.

Trump canta vittoria e durante un comizio in Texas per la rielezione del senatore Ted Cruz si vanta che la cancelliera tedesca Angela Merkel ‘ha annunciato che la Germania acquisterà enormi quantità di gas naturale liquefatto Usa’. In realta’, come scrive il Wsj, la Merkel ha deciso di aprire il mercato del suo Paese al gas naturale liquefatto americano co-finanziando un terminal da 500 milioni di euro nel nord del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com