Meloni tra caro bollette e lockdown produttivo

Giorgia Meloni torna ad accendere i riflettori sulla crisi dei comparti produttivi dovuta ai rincari delle materie prime e dell’energia. Che, insieme alla chiusure per la pandemia, sta mettendo in ginocchio produttori e imprenditori. Che da mesi chiedono all’esecutivo misure concrete per la sopravvivenza.

“Fratelli d’Italia raccoglie l’allarme lanciato dai produttori del comparto agro-alimentare. Tra i settori più colpiti, per effetto degli aumenti delle materie prime e dell’energia, c’è anche quello della pasta”. Così la Meloni illustrando le drammatiche previsioni per le prossime settimane se il governo non interverrà. “Un chilo di pasta potrebbe arrivare a costare entro fine gennaio 1 euro e 52 centesimi. con un rincaro del 38% sul prezzo. L’Italia sta rischiando un lockdown produttivo e industriale. Una partita cruciale sulla quale serve un cambio di passo del governo Draghi. Non c’è più tempo da perdere”.

Del resto la stessa maggioranza è in seria difficoltà nel difendere gli scarsi stanziamenti messi dal governo in manovra per passare dalle parole ai fatti in materia di ristori. Per produttori e ristoratori si preannuncia una vera e propria strage. “Se per una famiglia il rincaro energetico è un grosso problema, per chi lavora nel mondo della ristorazione è un vero incubo”, alzano la voce gli esercenti.  I 5Stelle, come se non sedessero a Palazzo Chigi insieme al Pd, provano a farsi sentire.  “Dopo aver ottenuto l’incremento a 4 miliardi delle risorse stanziate in manovra, intendiamo promuovere un ulteriore intervento. Famiglie e imprese, del resto, sono ancora alle prese con gli effetti della pandemia e devono ricevere un supporto incisivo”, dice la capogruppo dei grillini in Senato.

Circa Redazione

Riprova

Elezioni, il PD vara la lista dei candidati

Al termine di una giornata di Ferragosto convulsa e ricca di frizioni, il Partito Democratico …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com