Mef, entrate in aumento nei primi 7 mesi dell’anno: crescita dello 0,6%

ROMA. Nei primi sette mesi 2015 le entrate tributarie erariali ammontano a 234.094 milioni, 1.374 milioni in più rispetto allo stesso periodo del 2014 (+0,6%). Lo rende noto il Mef specificando che in un confronto omogeneo, considerando cioè il venir meno quest’anno del gettito dell’imposta sostitutiva sui maggiori valori delle quote Bankitalia, le entrate sono aumentate dell’1,3%. Il ministero spiega che, ai fini del confronto omogeneo, è necessario considerare il venir meno del gettito dell’imposta sostitutiva sui maggiori valori delle quote di partecipazione al capitale della Banca d’Italia, il cui versamento nel 2014 è ammontato a 1.692 milioni di euro ed era previsto per un solo anno. Al netto di questa entrata straordinaria del 2014, le entrate tributarie erariali presentano una crescita tendenziale di 3.066 milioni di euro, appunto dell’1,3%. In aumento nei primi 7 mesi del 2015 anche il gettito Iva. Secondo i dati del Mef, le entrate Iva sono cresciute di 1,45 miliardi (+2,5%) grazie all’andamento positivo degli scambi interni e dei versamenti dovuti in base al meccanismo dello split payment (+3,1%, pari a +1,5 mld), mentre risulta in calo il gettito registrato dalle importazioni dai Paesi extra-UE (-1,0% pari a -76 milioni). Diminuiscono anche le entrate dell’accisa sui prodotti energetici (-1,8%) e sul gas, crollate del 41,6% (-1 mld). Il gettito da imposte indirette (104 mld) è complessivamente calato dello 0,1%. Quanto al gettito derivato dalla lotta all’evasione, nei primi sette mesi del 2015 è aumentato dello 0,9% (+43 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. “Non è solo la tassa sulla casa che viene aggredita”, evidenzia il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. “Nella prossima legge di stabilità – prosegue – stiamo pensando di estendere un ulteriore abbattimento della tassazione a favore della competitività d’impresa. La finanza pubblica italiana è sul sentiero del risanamento”, ha aggiunto il ministro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com