Italian former Prime Minister and and former Democratic Party (PD) Secretary, Matteo Renzi, attends the Raiuno Italian program 'Porta a porta' conducted by Italian journalist Bruno Vespa in Rome, Italy, 17 September 2019. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Matteo Renzi in 30 punti per ‘questioni politiche aperte’

Dal Mes ad Autostrade, dal fisco al Ponte sullo stretto, dalle riforme alle prossime comunali. E’ l’elenco in 30 punti delle “questioni politiche aperte” in maggioranza fatto il 6 gennaio da Matteo Renzi al Dem Goffredo Bettini,

Nella notte il senatore avrebbe detto ai parlamentari Iv: senza risposte “non apriamo la crisi ma lasciamo le poltrone”. Nel documento del 6 Renzi a Bettini scrive che Conte non ha mantenuto l’impegno di chiudere i tavoli sul programma entro novembre e chiede: “Con chi si scrive un accordo serio? In che tempi? Chi garantisce che gli impegni si mantengano? Iv è pronta da mesi. Gli altri?”.

“E’ il Presidente del Consiglio a staccare la spina del governo, non noi, perché è lui a continuare nel suo atteggiamento di non farsi carico dei problemi, ma anzi, mettendoli sotto il tappeto.Non si può andare avanti così. Ci ha detto che ci vedremo in aula sfidandoci? Va bene. Ci vedremo in Parlamento e utilizzeremo la dialettica e i nostri numeri per vedere chi ha ragione rispetto ai ritardi di questo governo”, afferma Ettore Rosato presidente di Italia Viva a Radio Popolare. “Ma che offerta avrebbe fatto Conte? Noi vogliamo risposte alle nostre richieste, Non ci interessano offerte di posti o di chissà quale tavolo di mediazione”. Rosato ha anche ribadito che secondo Italia Viva, anche di fronte a una crisi di governo non si andrà a elezioni anticipate: “Se c’è qualcuno che pensa che i problemi del Paese si risolvano con le elezioni anticipate, si faccia avanti, ma ho l’impressione che le forze politiche sappiano benissimo che non è questa la strada”.

“Quando è stato deciso che a Natale tante attività economiche sarebbero state chiuse o avrebbero ridotto drasticamente il proprio orario di apertura per un incremento dei contagi abbiamo promesso rapidissimi ristori che potessero compensare le perdite. La promessa va mantenuta senza se e senza ma. Chiediamo quindi al governo di presentare in fretta il provvedimento di scostamento in Parlamento: Italia Viva non farà mancare come sempre il proprio voto”. Così in una nota il presidente dei senatori di Italia Viva Davide Faraone.

Ieri sera il premier Giuseppe Conte ha provato a ricompattare la maggioranza aprendo al senatore fiorentino con una mossa che racchiude Recovery, patto di legislatura e rimpasto per arrivare fino al 2023. Lo ha fatto con un lungo post pubblicato ieri in serata su Facebook in cui, d’intesa col Pd, offre a Renzi una road map per evitare la crisi. Ma, intervistato da Repubblica, il leader di Iv definisce la risposta del premier “sprezzante e sorprendente”: “quando la smetterà di scrivere post retorici e inizierà a confrontarsi sui problemi di merito facendo davvero politica, ci troverà a fare l’interesse dell’Italia e degli italiani. Basta che faccia presto perché’ non c’è più tempo”.

Il governo è immobile: si vive di rinvio in rinvio. Vogliamo sciogliere i tanti nodi aperti. La risposta è stata sprezzante e sorprendente: ci vedremo in Parlamento, ha detto Conte. Evidentemente è già convinto di avere i voti in Aula, forse di Forza Italia: mi sembra un errore politico e un azzardo numerico. Ma auguri a lui e all’Italia”, attacca il leader di Italia viva che sembra voler restare sulla sua posizione continuando a minacciare la crisi di governo, che ormai sembra più vicina. L’esecutivo, invece, punta ad approvare il Recovery Fund in un Consiglio dei ministri da convocare in settimana, molto probabilmente martedì, poi un vertice per cercare di chiudere un patto di legislatura e disinnescare la crisi aperta da Italia Viva. Ma Matteo Renzi è sempre più vicino alla rottura.

Un’assemblea durata più di quattro ore, quella in videoconferenza con i parlamentari di Italia viva convocata ieri sera dal leader Renzi in cui ha escluso le elezioni anticipate assicurando che Iv non darà mai il suo sostegno a un governo di centrodestra. Ma aggiungendo che così, “nell’immobilismo” dell’esecutivo, non si può andare avanti e ribadisce che Iv è pronta all’opposizione se non vedrà accolta le sue proposte. Nel corso dell’assemblea, ha riferito più di un partecipante, è intervenuta la gran parte dei 48 parlamentari di Iv (31 deputati e 17 senatori). Con toni e accenti diversi avrebbero tutti confermato il sostegno all’azione di Renzi e non ci sarebbe stato nessuno smarcamento, anche se alcuni si sarebbero mostrati più prudenti sulle scelte che ci saranno da compiere nelle prossime ore, nella consapevolezza che da qui a martedì si capirà se è ancora possibile un accordo nella maggioranza o ci sarà la rottura con l’apertura della crisi di governo.

Martedì il Recovery plan, poi il tavolo per il patto di legislatura e il rimpasto. Ecco l’offerta finale a Matteo Renzi. Giuseppe Conte, in asse con il Pd, la mette sul tavolo. Se Iv la respingerà è pronta la sfida in Aula, in nome del “bene comune” e del servizio al Paese. Il messaggio di Conte è “di apertura”, assicurano dal governo. Così rivendicando i risultati ottenuti dall’Italia sulle vaccinazioni e rimarcando l’importanza della fase che si sta per aprire, con i 222 miliardi del Next generation Eu da investire, Conte tenta di ricompattare la maggioranza di governo. Lo fa con un post pubblicato su Facebook a poche ore di distanza dal doppio appuntamento di Italia Viva, con la riunione della Cabina di Regia renziana e, poi, con l’assemblea dei gruppi di Camera e Senato, tutto in videocollegamento. Il premier Conte appare ottimista nel suo post sui social: dice di “non vedere l’ora che passino le fibrillazioni” così da rilanciare l’azione di governo con un programma, “una lista di priorita’” che accompagni l’esecutivo da qui fino a fine legislatura. Una richiesta che era stata avanzata dalle forze di maggioranza, con il Pd in prima fila. Il segretario, Nicola Zingaretti, ha ribadito la necessità di rilanciare l’azione di governo due giorni fa in direzione nazionale.

Fornaro (Leu): “Lavorare per costruire, non per demolire”

Circa Redazione

Riprova

Coronavirus, 14078 contagi, 521 decessi

Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati registrati 14.078 nuovi casi con 267.567 tamponi …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com