Marconi Teatro Festival – LA BAMBINA DI CARTA

Roma, 2018. À’isha al-Wadai è nata in Yemen, dove ha vissuto fino al compimento dei suoi dodici anni. Oggi, a trent’anni, è una donna emancipata, sicura di sé: ha una brillante carriera, è una scrittrice e giornalista affermata, ma c’è qualcosa nel suo passato che la differenzia dalle sue coetanee. À’isha è stata una sposa bambina: venduta dalla sua famiglia ad un uomo molto più grande di lei, per ragioni economiche. Una bambina che ha conosciuto troppo presto il rigido ruolo di moglie che la società le imponeva: la sua posizione subalterna, la sua “inferiorità” nei confronti dell’uomo; una bambina che, però, è riuscita a salvarsi. Sottratta dalle mani del suo sposo/padrone, e, grazie all’interessamento e al lavoro delle società umanitarie, ha trovato in Italia la sua seconda possibilità.

À’isha ha deciso di raccontare la sua storia: ha deciso di pubblicare un libro, una autobiografia che dia voce alle spose bambine e possa essere di esempio per le altre vittime di una prassi matrimoniale alla quale è sottoposto, ancora oggi, un gran numero di yemenite. Uscire allo scoperto, però, non è così facile. Inevitabile lo scontro con l’ipocrisia e il pregiudizio della società occidentale, rappresentata in scena dalla figura di un giornalista, che vuole vedere in lei la vittima di un sistema religioso e di una cultura considerata, a torto, arretrata e pericolosa. Ma À’isha deve anche fare i conti con i fantasmi del passato, con il ricordo del marito e del periodo trascorso con lui, con due mondi, quello Medio-Orientale e quello Occidentale, che fanno del corpo delle donne, e nel caso specifico delle bambine, il campo di battaglia delle proprie ideologie.

Note di regia

Prendendo spunto dalla vicenda di Nojoud Ali, sposa bambina yemenita che a soli 10 anni trovò il coraggio e la forza di chiedere il divorzio da un uomo più grande di lei che i genitori avevano costretto a sposare, e da altre notizie di cronaca estere e italiane, lo spettacolo La bambina    di carta, vuole essere innanzitutto un’opera di sensibilizzazione nei confronti di un controverso tema ancora largamente ignorato in occidente, ma che, con il crescente flusso migratorio, è diventato una realtà anche nei paesi europei; vuole essere, inoltre, una riflessione più ampia sulla libertà della donna, sul suo ruolo, sia nelle società mediorientali, sia nella società occidentale, al fine di stimolare un dibattito più consapevole per smontare le ipocrisie e i pregiudizi che inquinano la discussione su temi così delicati e fondamentali.

Per questo motivo l’allestimento è organizzato come una conferenza stampa, con la rottura della cosiddetta “quarta parete”, e il dialogo rivolto al pubblico, stimolato, alla fine della rappresentazione, a partecipare attivamente, ponendo domande e riflessioni sul tema dello spettacolo. Nello stesso tempo, però, la dimensione più prettamente teatrale non è ignorata, ma anzi, viene costruita gradualmente nello svolgersi dell’azione scenica attraverso l’utilizzo di immagini fotografiche cartacee e proiettate; attraverso l’utilizzo della parola scritta, anch’essa su supporto cartaceo e su proiezione; di teli e di oggetti scenici che costituiscono le testimonianze di sedimenti e tradizioni culturali ma anche le parole delle reali protagoniste del dramma dei matrimoni infantili. L’obiettivo è di trasformare la scatola nera del teatro, in cui inizia la rappresentazione/conferenza, in una sorta di installazione che comprenda immagini e testimonianze scritte, a cui, laddove sia possibile nei limiti delle vigenti norme sulla sicurezza, il pubblico possa avvicinarsi a fine spettacolo, superando idealmente e simbolicamente la distanza culturale che separa il pubblico occidentale dalla tragedia umana delle spose bambine.

Sarà presente la cooperativa BeFree cooperativa sociale contro tratta, violenze e discriminazioni https://www.befreecooperativa.org/

 

Biglietti:

Intero 16,00 Ridotto 13,00

biglietteria  – 06 5943554 – info@teatromarconi.it
ACQUISTA ONLINE SU www.bigliettoveloce.it oppure sull’app del Teatro Marconi

 

Circa Redazione

Riprova

IN SCENA AL TEATRO ANTICO DI TAORMINA “LA SUITE DEI TEMPLI”, 3 SETTEMBRE ORE 21.30 TAORMINA

La “Suite dei Templi” va in scena anche al Teatro Antico di Taormina il 3 …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com