Manovra e Gualtieri: ‘Asili nido gratis già dal 1 gennaio’

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in audizione sulla manovra: “Il governo ha grande rispetto e disponibilità al dialogo e al confronto, penso e auspico che il lavoro parlamentare possa migliorare ulteriormente la manovra salvaguardando l’impianto e gli obiettivi”. Le previsioni a breve per il quadro macroeconomico italiano, malgrado lo scenario internazionale, “hanno di recente mostrato alcuni segnali incoraggianti” e “indicano un incremento anche nel quarto trimestre, che potrebbe non solo migliorare rispetto allo 0,1% previsto nella Nadef, ma dovrebbe dar luogo a un trascinamento positivo sulla crescita del 2020”. Gualtieri ha ggiunto che “lo 0,6% di crescita appare ampiamente raggiungibile, anche prudente”.

La manovra “non solo diminuisce la pressione fiscale in misura considerevole rispetto al tendenziale, ma riduce le tasse anche rispetto all’anno precedente, ha spiegato il ministro dell’Economia dicendo che la pressione fiscale appare invariata al 41,9% ma al netto di misure come il recupero dell’evasione o il differimento delle Dta “avremo una riduzione di 7,1 miliardi della pressione fiscale anche rispetto all’anno precedente”.

La manovra ha “già determinato” una percezione di “maggiore stabilità della nostra economia testimoniato dal progressivo calo” dello spread con una “riduzione significativa della spesa per interessi”. Grazie al calo dello spread, ha detto Gualtieri, ci sarà “un risparmio di 2,7 miliardi per l’anno in corso, che si può considerare ormai acquisito e di 6,7 miliardi nel 2020”. Nel quadriennio 2019-2022 l’Italia può conseguire “un dividendo di credibilità di circa 38,5 miliardi”.

Tra le misure a favore degli enti locali c’è la “razionalizzazione della tassazione a partire dall’unificazione Imu-Tasi in un unico tributo” costruita in modo da “assicurare l’invarianza di gettito, quindi non si tradurrà in un aggravio per i contribuenti”, ha assicurato il ministro in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Senato e Camera riunite.

Il rafforzamento del bonus per gli asili nido consentirà “la sostanziale gratuità degli asili nido per la grande maggioranza delle famiglie italiane, importante anche dal punto di vista del sostegno all’occupazione femminile. Si parlava della misura da settembre” ma scatterà “già dal primo gennaio”. Gualtieri ha poi ricordato che si prevede anche l’aumento dei posti al nido “oggi insufficienti in particolare nel Mezzogiorno”. In tutto nel triennio, ricorda si stanziano 2,8 miliardi in più per la famiglia.

Dal pacchetto ‘Italia Cashless’ con gli incentivi ai pagamenti digitali il governo non ha previsto entrate aggiuntive per prudenza. Tuttavia “determinerà un significativo aumento del gettito, che ci consentirà di incrementare il fondo per la riduzione della pressione fiscale e di ridurre il carico fiscale” su famiglie e imprese.

E ancora: quella sulle auto aziendali è una misura che “va migliorata per evitare che si traduca in un aumento sella pressione fiscale sui lavoratori dipendenti”. “Siamo al lavoro per un miglioramento della norma – ha detto il ministro -, che salvaguardi l’obiettivo di incentivare il rinnovamento del parco, ma modulando tempi e forme”, in modo anche da “garantire che modalità e tempi siano coerenti con i piani produttivi del settore automobili”.

“Abbiamo letto stime del tutto fantasiose su aumenti dei prezzi” legate all’introduzione della plastic tax, “tecnicamente e totalmente infondate”, ha aggiunto il ministro dell’Economia a proposito della tassa sulla plastica nel corso dell’audizione sulla manovra. Anche la stretta sulle auto aziendali “abbiamo ascoltato numeri fantasiosi: quelle toccate dalla misura sono 300mila”.

La plastic tax “deve essere migliorata e riformulata in modo da evitare che abbia effetti negativi su una filiera produttiva molto importante – ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri -. Abbiamo avviato una riflessione tecnica con gli operatori del settore, auspichiamo che il Parlamento intervenga e mettiamo a disposizione questo lavoro per rimodulare la misura ma salvaguardando la ratio dell’intervento che disincentivi l’abuso della plastica monouso”.

AUDIZIONE DI BANKITALIA SULLA LEGGE DI BILANCIO A PALAZZO MADAMA – L’incentivo ai pagamenti elettronici può ridurre l’evasione fiscale, anche se il governo non ha messo nero su bianco alcuna emersione di base imponibile, ha detto il vice direttore generale di Bankitalia, Luigi Federico Signorini. “E’ plausibile che nel medio periodo esso possa contribuire a ridurre la propensione a evadere”, ha detto Signorini, aggiungendo che “l’incentivo funzionerà bene se si riuscirà ad attuarlo in modo semplice e chiaro”. La stima di crescita dell’economia italiana dello 0,6% contenuta nella legge di bilancio “si conferma condivisibile e in linea con le nostre valutazioni più recenti”. Nel 2021 e 2022 le clausole di salvaguardia residue – ha spiegato Signorini durante l’audizione sulla manovra a Palazzo Madama -restano a un livello “significativo” al netto degli effetti della manovra, pari a un punto percentuale di Pil e 1,3 punti rispettivamente. Se venissero abolite senza compensazioni “il peggioramento strutturale dei conti sarebbe considerevole” e dunque “si riproporrà l’esigenza di reperire coperture alternative”.

I tassi sui mutui sono scesi a settembre abbondantemente sotto il 2%. I tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, si legge nella pubblicazione di Bankitalia ‘Banche e moneta’, si sono collocati all’1,82 per cento contro il 2,08% di agosto.

“Gli effetti del bonus per gli asili nido sono potenzialmente rilevanti”, ha detto ancora Signorini sottolineando però che “la scelta di legarlo all’Isee potrebbe scoraggiare l’offerta di lavoro di un secondo percettore di reddito, specie in prossimità delle soglie che determinano l’ammontare dell’importo: tanto più in quanto le rette che le famiglie pagano per gli asili nido sono già modulate in funzione dell’Isee. L’esperienza potrà dare indicazioni utili per definire l’assetto a regime delle misure di sostegno alla famiglia”. Nel documento di via Nazionale si sottolinea anche che attualmente “l’offerta di posti nelle strutture per la prima infanzia è inadeguata” e si ricorda che secondo i dati Istat il rapporto posti e utenza potenziale nel 2016-17 era “in media pari al 24%”, “assai al di sotto del target del 33% fissato dal Consiglio europeo per favorire la conciliazione della vita familiare con quella lavorativa”.

 LA DIRETTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com