Mahmood e Blanco raccontano come si sono conosciuti e com’è nata “Brividi”

I due artisti parlano in esclusiva a DiLei delle emozioni che il palco dell’Ariston gli sta regalando e spiegano il significato del loro brano.

Da una parte, uno dei maggiori e più originali esponenti del cantautorato urban-pop italiano, che ha totalizzato solo in Italia 12 dischi di platino e 9 dischi d’oro. Dall’altra, una tra le voci più dirompenti del panorama nazionale e rivelazione musicale del 2021, con i suoi 28 dischi di platino e 1 miliardo di streaming, collezionati in meno di un anno.

Stiamo parlando di Mahmood e Blanco, che quest’anno hanno deciso di presentarsi assieme al Festival di Sanremo, con un brano che assume la forma di una ballad romantica impreziosita da pianoforte e archi, che ne richiamano l’arrangiamento da orchestra. Allo stesso tempo “Brividi” – questo il titolo del brano con cui concorrono – ha un sapore moderno in cui le voci e gli sguardi dei due artisti, nonostante i 10 anni di differenza, si intrecciano in perfetta armonia raccontare come la paura di essere inadeguati appartenga – in fondo – un po’ a tutte le generazioni.

Alla vigilia della serata conclusiva del Festival di Sanremo, abbiamo raggiunto Mahmood e Blanco per un’intervista doppia sul loro brano e su come si sono conosciuti.

Mahmood e Blanco

Un ritorno e un debutto sul palco dell’Ariston. Ansia?

Mahmood: Per me è un’emozione fortissima tornare a Sanremo, non conta il fatto di esserci già stato un’altra volta: questa volta porto un brano diverso, e soprattutto sono insieme a Blanco. Il palco dell’Ariston dà sempre l’emozione della prima volta, non ci si abitua mai.

Blanco: L’ansia c’è sempre, ma è prevalsa l’adrenalina: sono salito sul palco ed ero felice, volevo divertirmi e così è stato. C’eravamo preparati tanto e sul palco siamo riusciti a metterci il cuore.

In questi giorni si è parlato tanto di “Brividi” e ognuno ha provato a dare il proprio significato. Qual è il vostro?

Mahmood: In “Brividi” due ragazzi, appartenenti a due generazioni diverse, amano con lo stesso trasporto e gli stessi timori – la paura di sbagliare e di sentirsi inadeguati, incapaci di riuscire a trasmettere ciò che si prova – e con la voglia di amare in totale libertà, dando tutto di sé. Il brano racconta la volontà di vivere un sentimento puro e totalizzante, abbattendo le barriere, in completa libertà.

Blanco: In questo brano parliamo di un sentimento che accomuna tutti, non conta la differenza di età: quando amiamo ci riveliamo per quello che siamo davvero con la paura di metterci a nudo e di non essere capiti. In “Brividi” il mio vissuto incontra quello di Ale e in un certo modo anche quello di tutti.

Come è nata questa vostra collaborazione, come vi siete conosciuti?

Mahmood: È nata per caso: ci siamo incontrati a casa di Michelangelo la scorsa estate. Lui si è messo al pianoforte e da una nota sbagliata è nato il ritornello. Le strofe poi le abbiamo composte separatamente, ognuno la sua.

Blanco: Ci siamo presi del tempo per scrivere ognuno la propria strofa, volevamo esprimere il nostro punto di vista in totale libertà. Una volta finito il brano l’ho fatto ascoltare a mio padre durante un viaggio in macchina e lui mi ha detto: “Immagina questo pezzo a Sanremo”. A quel punto ho mandato un vocale ad Ale, quasi in imbarazzo, per poi scoprire che anche sua mamma aveva avuto la stessa idea.

Circa Redazione

Riprova

Dentro le bolle trasparenti per vivere il sogno di mezza estate

Puoi vivere una favola quest’estate, in Italia o in Europa, prenotando su Airbnb una bubble …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com