Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante una riunione in video-conferenza con il ministro della Salute Roberto Speranza, Roma, 26 novembre 2020. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Luigi Di Maio inviato speciale nel Golfo, scaricato dagli ex M5S: ‘Senza laurea, può fare a malapena uno stage’

L’ex-ministro degli esteri, Luigi Di Maio, è alla ricerca di una seconda chance. Dopo l’uscita dal Movimento 5 Stelle e l’esclusione dalla vita politica, decisa dagli elettori, Di Maio è candidato alla carica di Inviato Speciale Ue per il Golfo Persico, ma non avrebbe tutti i requisiti richiesti per un lavoro di alto profilo come quello. O meglio ne avrebbe solamente uno, la cittadinanza italiana, mentre è sprovvisto di laurea e della certificazione per le lingue straniere.

A porre l’accento sulla questione sono tre ex-colleghi dell’ex-ministro, Piernicola Pedicini, Rosa D’Amato e Ignazio Corrao, eurodeputati eletti nel Movimento 5 Stelle, che però oggi fanno parte del gruppo Green/Efa. I tre eurodeputati hanno presentato un’interrogazione rivolta al Consiglio dell’Unione europea per sottolineare la sua non idoneità a quel ruolo prestigioso, che avrebbe un’importanza strategica rilevante per l’Unione, visto che la posta in gioco è la materia prima di cui è ricca quell’area del mondo, il petrolio.

Maurizio Costanzo condannato per diffamazione: «Complimenti al gip» del caso Jessica Notaro. Dovrà pagare 40 mila euro di risarcimento

Perplessità

I tre europarlamentari scrivono: «Siamo perplessi per le qualifiche richieste per la carica, dato che non ha una laurea, ha lavorato come ministro degli Esteri per soli tre anni e non sembra avere altre esperienze rilevanti di lavoro nella regione…dato che purtroppo il Parlamento non ha voce in capitolo nella nomina dei rappresentanti speciali, vorremmo chiedere al Consiglio su quali criteri e su quali requisiti minimi intende fondare la decisione in merito».

Lo stagista

«Perché una persona come Di Maio, che avrebbe a malapena i titoli per uno stage, dovrebbe rappresentarci in un’area strategica come quella del Golfo?…Sarebbe l’esempio peggiore, l’ennesimo, che può dare il nostro Paese agli occhi del mondo intero, oltre che a quelli di tantissimi ragazzi che credono nella meritocrazia», scrivono ancora i tre europarlamentari.

Circa Redazione

Riprova

Emiliano apre le porte al gender con il “ddl Zan” pugliese

Riconosce l’identità di genere e introduce corsi di formazioni per insegnanti, studenti e anche famiglia, …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com