Lucia Annibali racconta la sua storia al ‘Teatro Cristallo’ di Bolzano

Solo in Trentino – Alto Adige le donne vittime di violenza sono oltre 1200, secondo i dati presentati da prefetture e centri antiviolenza riferiti allo scorso anno. Quasi 700 denunce in Alto Adige, oltre 500 in Trentino. 4 donne al giorno rimangono vittima di casi di violenza, molto spesso all’interno delle mura domestiche. Non è facile denunciare, è ancora più difficile ricostruire poi la propria esistenza. Una voce di speranza sarà sul palco del Teatro Cristallo di Bolzano martedì 2 febbraio dove l’avvocato Lucia Annibali, vittima di un caso di violenza che ha fatto scalpore. Il volto è l’emblema della propria identità, ciò che ci distingue in primis dalle altre persone. Il 16 aprile 2013 l’avvocato Annibali venne sfregiato con l’acido su mandato dell’ex fidanzato, poi condannato. Chiusa la vicenda giudiziaria, rimane la difficile opera di ricostruzione de ‘L’identità ferita’, il tema della serata che vedrà sul palco anche Giusi Fasano, giornalista del Corriere della Sera e coautrice con la Annibali del libro ‘Io ci sono’, il Procuratore capo della Repubblica di Bolzano Guido Rispoli e il Rettore dell’unibz Walter Lorenz. Da quel giorno di aprile 2013 Lucia Annibali ha dovuto affrontare un lungo percorso, fatto di decine di operazioni chirurgiche, di un processo che è stato sulle prime pagine di tutti i giornali e della ricostruzione della propria identità, violata nel profondo. Un percorso riuscito grazie alla forza e alla serenità dell’avvocato, che arriva a Bolzano per raccontare la sua storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com