Lotta alle Ong, arresto immediato per i comandanti delle navi fuorilegge

Inizia a prendere forma la linea di difesa proposta da Matteo Salvini contro i migranti. Per quanto riguarda il decreto Sicurezza Bis passa la linea dura chiesta e promossa dalla Lega, condannata dalla base del MoVimento Cinque Stelle ma sostenuta da Luigi Di Maio.

 Uno dei provvedimenti annunciati è l’aumento delle multe per le navi che non rispettano le regole. Le Organizzazioni che non rispettano la legge pagheranno multe fino a un milione di euro, una sanzione che rappresenta un colpo durissimo alle casse delle organizzazioni non governative.

Il secondo passo è il sequestro della nave già alla prima violazione del blocco navale, una mossa studiata per tagliare i mezzi alle Ong, che sarebbero di fatto costrette a farsi una flotta smisurata con pochi soldi a disposizione (alla luce delle sanzioni economiche previste).

Il terzo tassello che va a completare il quadro è l’arresto immediato del comandante della nave che non rispetta la legge. Lo scopo è quello di evitare un nuovo caso Carola Rackete, con la Capitana arrestata al momento del suo arrivo a Lampedusa e poi liberata dal Gip di Agrigento.

Dopo l’accordo sommario raggiunto dalla Lega e da parte del Movimento Cinque Stelle, la prossima data cruciale sarà quella del 15 luglio, quando il decreto approderà alla Camera per la discussione che precede quella in Senato e quindi la definitiva conversione in legge.

Il Carroccio aveva chiesto con un emendamento maggiori poteri per il Viminale, una proposta che si è infranta contro il muro pentastellato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com