Loris non compare nelle immagini delle telecamere

SANTA CROCE CAMERINA. Sono oltre 10 gli impianti di videosorveglianza presenti tra casa Stival e la scuola di Loris, il bambino di 8 anni ucciso il 29 novembre a Santa Croce Camerina, nel Ragusano. Le riprese sono adesso uno dei filoni più importanti delle indagini. Purtroppo due telecamere, posizionate proprio nei pressi dell’ingresso dell’istituto, non sarebbero funzionanti. Sarebbero andate fuori uso circa un mese fa a causa di un temporale violento. Loris comunque al momento non appare in nessuna delle immagini visionate dagli investigatori e nelle quali, invece, si vede l’auto della madre con cui il piccolo sarebbe stato portato a scuola. Sarà però necessario vedere tutti i video a disposizione. La mamma del bambino ieri sera è stata ascoltata in questura come persona informata sui fatti   Nel frattempo un gruppo di carabinieri del Ros, specializzato su crimini violenti, è arrivato nel paese del Ragusano per dare un contributo alla task force che lavora alle indagini. Sono gli stessi carabinieri che si sono occupati di crimini come il caso di Yara Gambirasio,l’attentato alla scuola di Brindisi, l’omicidio dei coniugi Burgato di Lignano Sabbiadoro e di Roberta Ragusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com