Londra la città più visitata al mondo. Male per Roma, scivola dall’8° al 12/mo posto

La capitale britannica, risulta essere per il secondo anno consecutivo la città più visitata al mondo e quella dove i turisti spendono di più.  Al secondo posto è finita Parigi mentre Bangkok si è confermata al terzo posto. L’Italia invece segna il passo: se Milano è rimasta in 16esima posizione, Roma è scivolata dall’ottavo al 12/mo posto. I grattacapi dell’eurozona non hanno però niente a che vedere con i risultati della ricerca. “I mercati finanziari e il mercato dei consumatori sono due cose distinte”, spiega Yuwa Hedrick-Wong, Global Economic Advisor di MasterCard e autore dello studio. “Se nel primo caso la crisi di una regione può avere velocemente un impatto sul resto del mondo il potere di attrazione delle città si basa su condizioni locali, come occupazione e crescita. Valori che possono variare da una città all’altra”. Nel caso di Roma (7,8 milioni di visitatori previsti nel 2012, 100mila in più di New York) non si tratta tanto di “declino” quanto di crescita “insufficiente”. “Roma – dice all’ANSA Hedrick-Wong – deve decidersi a competere in modo più aggressivo con le altre città. Il suo patrimonio culturale è d’altra parte un asset imbattibile: a Dubai possono ricreare una pista da sci con un freezer gigante ma non possono copiare il Dna di Roma”. Le opportunità, d’altro canto, non mancano. “Le città globali – conclude Hedrick-Wong – continuano a rappresentare un volano per la crescita e ora possono contare su una nuova generazione di viaggiatori provenienti dai mercati emergenti”. Le top 20 hanno, non a caso, fatto segnare un aumento dei turisti su base annuale del 5,7% e un incremento di spesa del 10,6%. In questa particolare classifica Londra, come anticipato, resta la regina con 21,1 miliardi di dollari ‘raccolti’ fra i turisti – più 10,3% rispetto al 2011. Seguono New York – 19,4 miliardi di dollari – e Bangkok – 19,3 miliardi di dollari. Roma è al 19esimo posto – davanti a Shanghai – con 8,3 miliardi di dollari e un incremento su base annua del 2,9%.

Circa redazione

Riprova

Keir Starmer: da avvocato di Berlusconi a premier britannico che sposta i Labour a destra

‘Un riformista moderato, che ha riposizionato i laburisti nell’area centrista dopo la stagione per loro …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com