Lodi, strangola 18enne e fa sesso col cadavere: filmati inchiodano l’assassino

Un vero e proprio orrore quello che si è consumato in due Motel tra sabato e domenica scorsa, quando ‘Dora’, la giovane rumena di 18 anni, ha incontrato il suo assassino su internet. Il 41 enne , non solo ha filmato la giovane donna mentre, con delle fascette di plastica strette al collo la uccideva, ma ha anche stuprato il suo corpo inerme  a più riprese. Questo è quanto è emerso dai video sequestrati dalla squadra mobile di Lodi ad Andrea Pizzocolo di Arese, centro alle porte di Milano, finito in cella per aver ucciso, durante un gioco erotico estremo, Lavinia Simona Ailoaiei, conosciuta su internet con il nick di ‘Dora’. E per questo orrore il gip Isabella Ciriaco non ha avuto dubbi accogliendo subito l’istanza con cui il Procuratore della Repubblica Vincenzo Russo ha chiesto per l’uomo la convalida del fermo e il carcere, condividendo in pieno le accuse: omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalle sevizie e dai futili motivi e di atti osceni su cadavere. In quei video trovati nell’auto dell’omicida c’è la prova della ”falsità” delle sue dichiarazioni quando, durante la sua confessione, ha affermato che si era trattato di un ‘”incidente”. Le scene che testimoniano come Pizzocolo non abbia ”mai manifestato alcuna pietà fino alla piena attuazione del brutale proposito criminale” e di cui ”anche la descrizione più dettagliata e realistica non può rendere con sufficiente giustizia la freddezza, la lucidità, la tenacia e la crudeltà che trasuda” dai filmati girati dal 41enne. Secondo le indagini, il 41enne ha piazzato nelle stanze dei due motel dove, tra venerdì e sabato scorsi, ha portato Dora – il Moon di Busto Arsizio a Varese, dove la giovane è stata uccisa e il Silk nei pressi di Lodi, dove a più riprese, dalle 5 di mattina alle 3 del pomeriggio di sabato, ha fatto sesso con il cadavere, filmando tutto con 3 o 4 microcamere nascoste nonché una incorporata nell’orologio da polso. Tutti i video trovati in possesso dell’assassino sono stato sequestrati insieme ad altri filmati trovati nella sua abitazione in cui si vedono tante ragazze giovanissime, pare un centinaio, riprese durante i loro giochi erotici con lui. Immagini ‘hard’ che ora gli investigatori stanno analizzando in modo approfondito per rintracciare e sentire le giovani e capire anche se qualcuna di loro sia eventualmente scomparsa. Il sospetto, ancora da verificare, è che Pizzocolo abbia girato tutte quelle immagini con lo scopo di montare filmati (anche snuff-movie) per il mercato del sesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com