Lockdown per altri 15 giorni: l’annuncio la sera prima di Pasqua

Il presidente del Giuseppe Conte annuncerà il prolungamento della quarantena tra venerdì e sabato. Nonostante siamo alla vigilia di Pasqua il format sarà sempre lo stesso: un messaggio serale per avvisare quello che i cittadini ormai sanno già. Il lockdown verrà prorogato di altre due settimane e riguarderà, sicuramente, tutte le restrizioni dal punto di vista sociale. Poi la settimana prossima potrebbe essere annunciata l’inizio della fase 2 con una ‘timida’ apertura di alcune filiere produttive. Il summit tra esecutivo e comitato tecnico-scientifico sembra aver dato delle indicazioni precise: il rallentamento del contagio sembra essere costante ma questo non deve comportare un immediato allentamento delle misure. Tanto che appena si è iniziato a parlare di ‘fase 2’ subito si è registrata una timida impennate delle persone in giro. Per questo il commissario Domenico Arcuri ha dovuto frenare falsi illusioni. “Attenti a illusioni ottiche, pericolosi miraggi, non siamo a pochi passi dall’uscita dell’emergenza, da un’ipotetica ora X che ci riporterà alla situazione di prima, nessun liberi tutti per ritornare alle vecchie abitudini”. Per ora, dunque, attenzione e si resta a casa. Giusto ma gli italiani hanno bisogno di risposte certe e non annunci spot come fino ad ora avvenuto. La tenuta psicologica potrebbe essere messa a dura prova perché in materia economico-fiscale, per ora, restano solo pochi buoni auspici.

Giuseppe Conte sarebbe orientato a sbloccare alcune limitate filiere produttive da dopo Pasqua. Un’apertura, in tal senso, sarebbe arrivata anche dal comitato tecnico-scientifico con una postilla importante: utilizzare la massima prudenza. Per ora la ‘fase 2’ si esaurirà con l’apertura delle fabbriche senza alcun impatto sostanziale sui cittadini. Il terzo step sarà l’allentamento delle misure di distanziamento sociale e la riapertura degli uffici pubblici. Poi si passerà alle serrande dei negozi. Ma non di tutti e non tutti assieme. Il calendario non si conosce e dipende da tantissime variabili e per ora resta solo la certezza che per saperne di più bisognerà aspettare sempre la sera. Come per il prossimo lockdown di altre due settimane bisognerà aspettare le ore che precederanno la Pasqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com